Posted in: Cyberbullismo, Esperienze, Formazione, Informatica, Tutti gli articoli

Due esempi di connessione e…

cervello

Mi trovavo in una pizzeria con mia moglie. Dopo qualche minuto accanto al nostro tavolo si siede una squadra maschile di pallavolo.  Dopo qualche minuto tutti i ragazzi avevano in mano il loro smartphone per giocare, chattare o mandare email… Ero fortemente tentato a scattare una foto. Poi ho desistito per ovvi motivi legati al fatto di trovarmi di fronte a dei minori. Una riflessione: questi ragazzi snobbavano la relazione fisica con i compagno accanto, preferendo quella virtuale. Essi rinunciavano ad ascoltare il tono di voce, a rispecchiarsi nelle emozioni, nello scherzo, nel gioco del compagno, preferendo quella fredda e senza corpo dello smartphone.
Altro esempio. Uscivo da scuola. Contemporaneamente una classe finiva le sue lezioni. Bene, l’occhio mi è caduto su una bambina che immediatamente prendeva dalle mani della mamma lo smartphone, accennando verso di lei solo un saluto molto “light”. Altra riflessione: questa bambina manifestava un desiderio quasi compulsivo-ossessivo verso lo strumento tecnologico, entrando rapidamente in un codice linguistico che la scuola ignora e verso la quale è generalmente impreparata nell’ elaborare una sintesi tra i codici tradizionali e quelli informatici.