Posted in: Ecdl, Esperienze, Formazione, Informatica, Tutti gli articoli

Ecdl: un rimedio contro l’analfabetismo informatico

nuova_ecdl

Ormai l’informatica è come l’aria che respiriamo. Molti sono i nostri contatti con le Tic attraverso l’uso dello smartphone, del tablet e del pc. Siamo convinti di saperne molto, tanto e in qualche caso tutto. La percezione la diamo per sicura, quando parliamo dei nostri ragazzi, giovani. Ma è proprio così? Non direi!!! Una premessa: pochi tra noi possono presentarsi come esperti informatici, in quanto il profilo più diffuso è quello di utilizzatore di sw ideati e realizzati da altri. Quindi il mio ragionamento partirà e si concluderà all’interno dei “fondamentali”. A mio parere il profilo  di un utilizzatore informatico – soprattutto pc –  è caratterizzato             da           questi   elementi: 1) Uso corretto del lessico informatico; 2) Conoscenza multipla delle procedure; 3) Conoscenza delle funzioni dei principali programmi; 4) competenza ordinativa e organizzativa dei lavori sul proprio computer. Nella mia ventennale esperienza con il pc posso affermare con una certa sicurezza che siamo ben lontani dal possesso diffuso di queste conoscenze e capacità. Infatti spesso sento espressioni come “battere un progetto al computer” – il verbo era molto utilizzato ai tempi della macchina da scrivere -, “ scrivere un file”  “ spingo con il mouse” e altro ancora. Ritengo che sia molto importante assumere a livello formale i termini di una disciplina, anche se ancora molto giovane com’é l’informatica. Infatti se io dicessi a un matematico che  12 è formato dai numeri 1 e 2 , egli immediatamente mi direbbe: “Guarda che ti sbagli” Proseguo. Molti fruitori delle tic conoscono poche procedure informatiche. La situazione si è cronicizzata ed è diventata preoccupante con l’affermazione prepotente dei Social Network. Infatti molti ragazzi e non solo conoscono quei passaggi informatici necessari a digitare messaggi, allegare video,  foto o faccine. Nulla più!!!  Un numero significativo tra di essi dimostrano scarsa conoscenza delle procedure fondamentali , prodotta in molti casi dal processo dell’oblio. Non parliamo poi delle alternative procedurali ( uso del tasto destro, tasti discelta    rapida…) E’ molto diffuso, inoltre, l’uso “disinvolto” di Powerpoint, proposto spesso come un “Word camuffato” o “mascherato”. Non è molto difficile, infatti, incontrare presentazioni con diapositive ( non mi piace il termine slide, utilizziamo la nostra bella lingua italiana!!! ) dove c’è tanto testo, assenza quasi totale di immagini e suoni. Questo utilizzo nasconde una scarsa conoscenza delle funzioni dei due programmi, ignorando tra l’altro le potenzialità “allegre” ( colore sfondo, inserimento  di cornici, di WordArt…) del             sw di     videoscrittura. Infine, non è infrequente aprire computer e trovare il Desktop pieno di file  fuori cartella, e paradossalmente il contenitore “Documenti” quasi vuoto, denotando scarse capacità di organizzazione e di  ordine da parte        dell’utente. Il rimedio? Lo studio e gli esercizi per il conseguimento della patente Europea del computer.  In questi anni, durante i quale ho ricoperto la funzione di preparatore, ho dato molta importanza a questi fondamentali, che non sono un mio cruccio, ma gli sfondi entro i quali deve muoversi lo studente per conseguire la Patente  Ecdl.