Posted in: Esperienze, PNSD, Tutti gli articoli

“Educhiamo” il coding

coding
Presento al termine di questa breve riflessione un articolo che critica fortemente la pratica del coding, che in molti casi mi sembra  proposta perché di moda. Lo stesso Miur, attraverso il Ministro Giannini, conferma questa “euforia da coding” proponendolo dal prossimo anno fin dalla scuola primaria ( leggi articolo )
Ho scritto spesso del pericolo di ridurre l’informatica, e nello specifico il coding ad un’attività banale, semplice, dove è sufficiente digitare un codice per risolvere un problema. In altri termini, la cultura della digitazione che non rimanda ad “piano alto”, formativo rischia di ridurre tutta l’informatica ad una serie di operazioni da compiere sulla tastiera. Operando in questo modo si rischia di perdere la prospettiva. Nel caso del coding questo significa banalizzare , “semplificare il problema”, bypassando o riducendo la sua complessità fatta di analisi, confronto, precisione formale dei risultati…
Interessante il seguente passaggio: ” L’insistenza a parlare di “coding” come se la cultura del digitale si riducesse alla manualità dello scrivere codice a quello è anche propria di chi vuole produrre pigiatasti a cottimo, lavoratori a bassa specializzazione e basso costo, intercambiabili. Un proletariato del XXI secolo così impegnato a lavorare per vivere da non potersi accorgere che il proprio lavoro è tenuto artificialmente in vita solo come pacificatore sociale”.
Articolo da leggere per individuare percorsi che mettano in relazione il ” piano alto dell’educazione” con l’addestramento digitale, accettando anche l’idea di rimandare  quest’ultimo a momenti non gestiti direttamente da noi, ma che sicuramente risulteranno efficaci anche grazie alla nostra azione “dietro le quinte” e quindi lontani dal “palcoscenico dell’innovazione a tutti i costi”.
No al coding