Elezioni europee, scuola dimenticata! Meglio così!

Elezioni europee, la scuola dimenticata

Elezioni europee, la scuola è dimenticata. Meglio così che essere presi in giro

Elezioni europee, la scuola è assente! Non se ne parla! Qualcuno lo vede come un segnale negativo. Sono di parere opposto.

Elezioni europee, la scuola la grande dimenticata

Elezioni europee. Tra una settimana ca. si eleggerà il nuovo Parlamento europeo. Il palcoscenico è occupato dai temi che contano: economia, migranti… Tutto meno che di scuola! Tutto previsto! Nel contesto postmoderno governato dal finanzcapitalismo (L. Gallino), che in ambito europeo significa moneta unica, cambio fisso, parametri di Maastricht, la scuola apparirebbe un corpo estraneo. In un contesto dove si parla di presente, la  scuola storicamente rivolta al futuro risulterebbe priva di significato.

Meglio dimenticata che  presa in giro

La dimenticanza della scuola non è una brutta notizia. Meglio essere dimenticati che ubriacati di promesse irrealizzabili!
Prendendo in considerazione le ultime due legislature, è possibile affermare che le promesse avevano solo una finalità elettorale. In altri termini, conquistare la fiducia degli operatori scolastici e poi abbandonarli.
Nel 2013 Bersani aveva promessonessun nuovo taglio, allungamento del tempo scuola, modulo a 30 ore con le compresenze“. Poi è avvenuto il cambio di segreteria con Matteo Renzi. Da qui l’impegno a senso unico per l’approvazione della legge 107/15 che si dimenticava di abolire gli obbrobri della Riforma Gelmini. Anzi peggiorava la situazione, introducendo una forma peggiorativa delle classi pollaio ( legge di stabilità art. 1 comma 333).
Nel 2018 Il governo giallo-verde ha sottoscritto un contratto di governo, ponendo l’abolizione delle classi pollaio, come una priorità. Bene allo stato attuale, la suddetta aberrazione pedagogica condizionerà il prossimo anno scolastico 2019-20, nell’indifferenza del Ministro leghista M. Bussetti. Ha scritto R. Palermo : “…per la scuola, non sia tempo di vacche grasse è ormai dimostrato: il ddl Azzolina sulla eliminazione delle “classi pollaio” è fermo da mesi…
Se questi sono i risultati, allora è meglio tacere ed essere dimenticati. Ignorateci! Meglio così che essere presi in giro!

 

Questa voce è stata pubblicata in Scuola, Tutti gli articoli. Contrassegna il permalink.