Posted in: Recensioni, Tutti gli articoli

Europa e capitalismo

9788857527574p

Parafrasando Hegel, possiamo osservare i singoli alberi e non capire la foresta. Il lavoro di D. Fusaro intende andare oltre  i proclami, e annunci giornalistici di una Europa come progetto dei popoli e individuare dall’alto della sua preparazione filosofica la “grande onda” che sta a fondamento dell’UE.
Nel lavoro è identificata con il capitalismo assoluto, che ha portato a considerare la realtà come immodificabile e irrredimibile, contravvenendo alla tradizione idealistica ( Hegel e Marx ) che considera la storia come il prodotto dell’uomo e quindi superabile. Secondo il giovane filosofo, ma già molto affermato, questa fine della storia ( F. Fukuyama ) ha prodotto la “morte dell’uomo”, schiacciato in un presente eterno, portatore di passioni tristi ( nichilismo, relativismo…) e nichilisticamente curvo verso l’edonismo, il godumento senza limiti.
L’analisi si conclude con l’individuazione di una via d’uscita, che richiede però il coraggio dell’uomo contemporaneo a riappropriarsi della storia, intesa come processo nel quale l’umanità decide del proprio futuro.
Si consiglia la lettura del lavoro se si intende capire la vera natura dell’Unione europea e comprendere i fatti osservandoli dall’alto.