Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Exit dall’ “onnipresente”

13700180_1216991765018581_8677492796540226085_n13912822_1215927905113650_8067714336973098815_n

Oggi parto da due immagini “pesanti”, in quanto profonde che fotografano la nostra condizione apparentemente post-moderna. In realtà viviamo dentro un contesto fortemente ideologico ( D. Fusaro, ” Essere senza tempo”, Bompiani), con la differenza, rispetto alla modernità  di un’espansione del presente come unica categoria. Il passato è da dimenticare, il futuro invece è una categoria vuota, spogliato della prospettiva, della visione e di un oltre. Nell’attuale contesto è scomparsa la discontinuità che aveva caratterizzato la modernità. Esiste solo una continuità dell’eterno presente, affollato da individui che sono ” homo homini lupus” ( T. Hobbes ), depotenziati nella capacità progettuale, in quanto sono stati “monadizzati” . Ci muoviamo dentro un contesto caratterizzato da “legami deboli” narcotizzati da bisogni e desideri indotti che hanno polverizzato l’identità personale ( D. Hume ), come elemento costitutivo dell’esser-ci ( M Heidegger ). In questa “notte del mondo”  ( M. Heidegger ) caratterizzato da “passioni tristi” ( B. Spinoza ) i corpi intermedi ( sindacati, associazioni…) sono stati marginalizzati. Essi rappresentavano quello spirito di gruppo, il solo che può farci uscire dalla “gabbia dorata” ludicizzata, dalla caverna e farci rivedere le stelle”, nel quale il futuro è di nuovo ricollocato nella dimensione della “possibilità” ( S. Kierkegaard. J.P. Sartre, M. Heidegger…). Questo però sarà possibile solo se riprenderemo coscienza insieme dei meccanismi mefitici nel quale siamo immersi e individuare percorsi altrenativi diversi da quelli desueti di un tempo non più replicabile ( 1968 ).