Posted in: Cyberbullismo, Tutti gli articoli

Facebook: le foto e i video. Pericoli, inganni e soluzioni!

foto-su-facebook-sentenza
Facebook, Instagram e Snapchat, WhatsApp… sono servizi dove i nostri ragazzi e non solo “postano” foto e video.
Qui vorrei soffermarmi sull’attività svolta su Facebook.
Spesso mi capita di imbattermi in foto e video pubblici o condivisi postati dai nostri ragazzi.
Alcune considerazioni.
1) I nostri ragazzi, inconsapevoli delle norme sulla Privacy, pubblicano visi, e non solo di amici, in modalità “Pubblica”. Questi difficilmente sono informati preventivamente  della eventuale pubblicazione. La ” violenza mediatica” diventa ancora più pesante verso amici che non hanno un profilo Facebook ( I ” nativi digitali” si esprimono  in questo modo: ” Non ho Facebook!” ). In altre parole, manca una certa sensibilità nella pubblicazione di foto, immaginando che tutti siano affetti di narcisismo. Ho trovato sul social anche foto dove oltre il ragazzo-fotografo, i loro amici  sono ritratti in modo ben definito anche bambini.
Solitamente questa pubblicazione non comporta proteste dei genitori dei malcapitati, anzi ne sono fieri.
Ma il rischio di essere contattati da questi genitori che richiedono la rimozione è sempre dietro l’angolo, Personalmente se avessi figli minori lo farei!
2) I nostri ragazzi hanno scarsa conoscenza della procedura “pubblica” o di condivisione. In entrambi i casi si perde completamente la gestione di quello che si posta. Il dark web ( l’enorme mercato che sfugge ai motori di ricerca ) trova qui molto materiale video e fotografico. Secondo una recente ricerca il 57% delle foto presenti sui siti pedo-pornografici sono prelevati dai profili Facebook.
3) Molti utenti sono convinti che l’eliminazione delle foto dai loro profili risolva il problema. Convinzione errata! L’eliminazione, in realtà è un nascondimento all’interno del profilo. Infatti, il materiale rimane presente nei server di Facebook a vita e quindi esposto ad attacchi – sempre possibili –  di  hacker professionisti.
Alcune soluzioni:
1) Mai postare foto personali o di amici in modalità pubblica, peggio condividerle. La netiquette nel Web prevede la non  pubblicazione di informazioni personali e dati sensibili di altri utenti. E le foto  non autorizzate dove sono ritratti rientrano in questa categoria. In altri termini: occorre mantenere quel tratto di sensibilità e di buona educazione verso l’altro soprattutto nel Web.
2) Se proprio il nostro bisogno narcisistico di esserci nel Web è incontenibile, allora bisogna governarlo con la pubblicazione di Avatar che si riferiscono a fiori, piante, personaggi fumettistici o cinematografici o con foto che ci ritraggono o riprendono amici con occhiali da sole o con alcuni accorgimenti da fotoritocco dove il nostro viso è alterato.
3) Attenzione ai secondi piani troppo evidenti. Ci sono degli ottimi programmi che eliminano parti di foto come Inpaint ( versione online )
3) C’é sempre la soluzione del gruppo segreto dove all’esterno non appare nulla, se non il suo nome  
Concludo: siamo soli davanti al computer,  mai  nel Web!