Posted in: Tutti gli articoli

Una fake news con il “botto di fine anno”

Fake news
Un esempio di fake news da analizzare.

Un esempio di fake news

Quella che presento è un esempio di fake news, ben definita dal commento ironico di S.Amato (” lo sapevo”).
Fake news

Le regole per “svelare” questa fake news

Il Web deve crescere! Deve bandire informazioni “farlocche”, evidenziadone il loro carattere distorsivo. In molti casi la loro carica emotiva ed emozionale contribuisce alla diffusione delle “post-verita”.
L’esempio riportato ci consente di fare esercizio di “svelamento di una fake news”
Quali sono le regole, che in questo caso ci aiutano?
1) l’informazione. Chi segue, legge, si aggiorna sulla vicenda contrattuale difficilmente cadrà nel tranello;
2) la data “farlocca” di pubblicazione. Nel 2014 non si parlava di contratto, bensì del suo blocco. Solo la sentenza della Corte costituzionale ( 24 giugno 2015) ha obbligato il governo Renzi e quello Gentiloni a “trattare” la questione contratti. La prova? Le leggi di Stabilità (2016-2018), tutte posteriori alla suddetta sentenza;
3) il titolo spiccatamente sensazionalistico ( botto di fine anno”), tende a stimolare la componente emotiva e affettiva. Parla alla “pancia”. E questo deve suscitare qualche sospetto;
4) la natura iperbolica del titolo assolve efficacemente al compito di non stimolare la ricerca di ulteriori contenuti (assenti)
5) Immagine dubbia o foto “farlocca”. Nel 2014 la Fedeli non era Ministro dell’Istruzione;
6) la conoscenza e la serietà di S. Amato e il suo commento ironico, mi hanno immediatamente messo sulla “giusta strada”.

A. Gramsci “docet”

Scriveva A. Gramsci “Istruitevi, perché avremo bisogno di tutta la nostra intelligenza. Agitatevi, perché avremo bisogno di tutto il nostro entusiasmo. Organizzatevi, perché avremo bisogno di tutta la nostra forza”