Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Finalmente qualcosa di sinistra!

ferilli

Finalmente si parla di valori della sinistra, dai quali è molto distante Renzi. Culturalmente il Presidente del Consiglio, ha poco a che fare con la tradizione culturale e i valori della sinistra. Infatti, egli proviene dalla Margherita di Rutelli, che era un partito cooptato nell’Ulivo di Prodi.
Comunque S. Ferilli riesce sinteticamente e magistralmente a sintetizzare il pensiero di  E. Bloch ” Se la destra deve far approvare suoi provvedimenti, è sufficiente che questi siano macchiati di rosso,  il colore della sinistra” Penso al Jobs Act, alla riforma costituzionale – inizialmente sostenuta anche da Forza Italia, fiducia ritirata dopo lo smacco dell’elezione di Mattarella – e alla ” Buona Scuola”.  Nel programma presentato da Bersani nel 2013, si faceva esplicito richiamo al ritorno del tempo pieno, dei moduli e delle compresenze. In altre parole a tutte quelle soluzioni organizzative azzerate dal Berlusconi con la complicità del duo Gelmini-Tremonti. Non c’era traccia della “Buona Scuola”, fotocopia della Proposta di V. Aprea ( deputato di F.I, e prima Dirigente scolastico )
Su quest’ultima intendo fare una breve riflessione. Lo sciopero e la grande manifestazione del 5 maggio 2015, hanno perso la loro  “spinta propulsiva”. Le responsabilità sono diverse: “l’attendismo sindacale”, l’incapacità di noi docenti di trovare forme di lotta efficaci, la sostanziale divisione degli insegnanti…
Dopo un anno gli effetti sono preoccupanti: accentuazione del lavoro gratis o quasi ( Animatori digitali, Team d’innovazione, membri commissioni concorso scuola…), accettazione di incarichi  e della premialità legati alla Legge 107/15, “monadizzazione” della nostra categoria dove ognuno e “homo homini lupus”, condizione ottimale per lAmministrazione dove ha continuamente presente il detto ” Divide et impera”
Intervista Ferilli