Posted in: Corsi, Esperienze, Formazione, Mappe concettuali, Tutti gli articoli

Formazione. “Mappe e testo”, una possibile circolarità.

 

Formazione


Esiste un bisogno di formazione  profondo che, nel caso delle Tic, superi il semplice addestramento. Quest’ultimo rimanda all’acquisizione di procedure, sequenze di istruzioni, non supportate da una verticalità formativa, elemento fondativo della presenza della scuola.

Il contesto “povero” delle mappe e del testo

Le proposte formative risentono di questo contesto addestrativo che nel caso delle mappe, risulta disorganizzato e  “scriteriato”.  Mi spiego brevemente. In molti corsi di aggiornamento è intenzionalmente bypassato il momento dell’esplicitazione dei criteri che devono essere supportati da uno sfondo teorico-scientifico e quindi fondarsi sulle teorie costruttivistiche o sulla grammatica generativo trasformazionale ( N. Chomsky).
A questo si aggiunge la solitudine delle mappe e degli schemi. In altri termini, il testo non supporta le rappresentazioni concettuali  e viceversa.

Mappe e testo come promozione dell’imparare ad imparare

La proposizione  di questi elementi ( schemi, mappe e testo) caratterizzati da ipertestualità e circolarità introducono quegli aspetti formativi di cui la nostra scuola ” è assetata”. Complice anche la presenza di un PNSD quasi sempre identificato dai suoi fautori come addestramento ( v. coding). Solo proponendo le rappresentazioni concettuali dinamiche (=destrutturabili e ristrutturabili) e generative di un testo organizzato. si può concretizzare la meta-competenza dell’imparare ad imparare”. Il tutto in un contesto di circolarità.

Dall’informazione alla conoscenza

Solo realizzando questo percorso si può superare  l’overdose di informazioni che impedisce a queste di divenire conoscenze. La loro natura è quella di  connettersi alla rete concettuale preesistente, riconfigurando i nodi che la caratterizzano.
La mia proposta formativa persegue questa finalità formativa. E quindi si pone fuori dalla moda addestrativa che purtroppo caratterizza il PNSD.
In sintesi: rappresentazioni concettuali dinamiche, ipertestualizzate e significativamente legate al testo. Il tutto in una relazione biunivoca, che ben rappresenta la nostra modalità di pensare, mai chiusa in prodotti , in quanto impedita dalla sua natura processuale che la porta ad andare oltre la “materia”.
Proposta formativa “Mappe e testo”

Se interessati inviare un messaggio nella sezione Scrivi