Gli “occhi spenti” del cyberbullo

 

Gli "occhi spenti" del cyberbullo

Occorre “aprire” nuovamente gli occhi per far entrare le persone dentro di noi.

 

Gli “occhi spenti” del cyberbullo. L’alfabetizzazione emotiva, l’empatia passa attraverso gli occhi. E’ necessario guardarsi “occhi negli occhi” per accorgersi che esiste un mondo fuori, oltre il nostro io. E tutto questo manca spesso ai nostri ragazzi. Sicuramente al cyberbullo!

Alfabetizzazione emotiva, l’importanza degli occhi

 Si legge nell’interessante lavoro “Dalla balena blu al cyberbullismo  ( Imprimatur, 2017) “Il cyberbullo manca di empatia in misura ancora maggiore rispetto al bullo tradizionale, e questo a causa di uno specifico processo fisiologico… Diversi studi hanno mostrato che gli occhi contengono proiezioni nervose in grado di condurre gli stimoli direttamente alla corteccia orbifrontale, un astruttura cerebrale chiave per quanto riguarda la capacità di provare empatia e di condividere le emozioni degli altri. Prestandoattenzione all’altro, guardandolo attentamente, si attivano i cosidetti neuroni specchio, che stimolano in noi emozioni simili a quelle dell’interlocutore”
In sintesi, i nostri occhi guardano un monitor, un  display, ma sono “spenti”, incapaci di cogliere sensazioni, affetti…

Cosi vicini, ma così lontani

Ogni giorno, ora e istante incontriamo persone connesse, catapultate nel mondo viruale. Sono fisicamente presenti nel mondo reale, ma assenti come persone.  La loro componente cognitiva, emotiva, affettiva sociale è da un’altra parte. Immersa in una dimensione dove tutto è facilitato (ricerca di informazioni, relazioni poco impegnative…)  I corpi sono involucri vuoti, privi di umanità. I sensi sono “spenti”. Non si percepisce l’odore dell’altro, non si coglie fonicamente le loro emozioni, non si “cattura” la loro mimica facciale.

 

Il cyberbullo ” è un nostro figlio”

Da qui non è difficile capire che il cyberbullo è ” un nostro figlio”. Egli è incapace di “sentire”, percepire l’altro.  E’ “il risultato” di un contesto che preferisce uscire da questo mondo, “staccare ogni contatto” (=morire) con la complessità della vita. Si preferisce un contesto virtuale dove il narcisismo  è alimentato constantemente. L’altro è solo uno strumento per verificare l’area colonizzata dal nostro io. Il “cogito ergo sum” (R. Descartes) potrebbe essere declinato oggi in “I like, ergo sum”. In una recente pubblicazione V. Paglia” ha parlato del ” Crollo del noi“. Ogni mezzo è perseguito, anche quello lacerante, distruttivo per l’altro, per soddisfare i nostri impulsi egoici, autocentrati.  Un individualismo leggero, privo della componente umana  e quindi esposto al Nulla, logicamente preferisce relazioni liquide, disimpegnate attraverso un monitor, un display. In questo modo si contrae la nostra capacità di “sentire” ( favorita dai nostri sensi) l’umanità dell’altro. Non meravigliano frasi dei cyberbulli, quando colti dalla Polizia Postale: ” Non pensavo di far male! “, “Era solo un gioco!”.

Tornare ai “nostri sensi”, soprattutto ai nostri occhi

Molto utili gli incontri sulle procedure da evitare nella navigazione nel Web. Negli incontri che tengo, ricevo la conferma di quanto siano sprovveduti i nostri “nativi digitali”.  Questi però devono essere integrati da una ” ripresa della componte socio-affettiva” da parte dei genitori e della scuola. Tradotto: rimettere al centro i nostri sensi come “porte ” da tenere sempre aperte per far entrare l’altro. E’ necessario ridare valore all”alfabetizzazione emotiva espressa molto bene dal testo di Panella (“Gli occhi negli occhi”). Questo è inserito nella splendida Aria di R. Cocciante (Opera popolare “Giulietta e Romeo), dove con i dovuti distinguo, sono rimessi al centro i sensi, vie obbligate per la “risurrezione dell’altro”.
Cercare gli occhi con gli occhi e dentro gli occhi cercare
il primo amore da fare e farlo come lo sai
che con lo sguardo lo fai tra gli occhi e gli occhi suoi
Con l’occhio nudo di chi non ha prudenza di se
e dice tutto com’è, la sofferenza e la gioia
e la distanza si fa immensa intimità
Li vedi gli occhi con gli occhi
negli occhi ma…
Ma poi non bastano gli occhi e non ti basta il pensiero
e vuoi la voce all’orecchio e vuoi toccare con mano
e vuoi vedere che vedi ad occhi chiusi tu
Li vedi gli occhi con gli occhi
negli occhi ma…
Cercare gli occhi con gli occhi e dentro gli occhi cercare
il primo amore da fare e farlo come lo sai che con lo sguardo lo fai tra gli occhi e gli occhi suoi”

   

 

Questa voce è stata pubblicata in Cyberbullismo e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.