I Neet, sono paurosamente tanti, troppi per il nostro Paese!

 

I Neet

L’italia ha un altro triste primato europeo. quasi 1/3 dei giovani risultano indifferenti allo studio e al lavoro.

I Neet, giovani che non studiano e non lavorano sono tanti. Una percentuale insopportabile per il nostro Paese. Un primato europeo non invidiabile. L’attenzione eccessiva al presente porta al declino.

I Neet, un dato allarmante per il nostro Paese

I Neet, acronimo inglese che sta per “neither in employment nor in education or training” o “not in education, employment or training”. In sostanza identifica gli inattivi o passivi di fronte alla vita, cioè soggetti che non studiano e non lavorano.  Purtroppo riguarda i giovani, espressione di un futuro che purtroppo rischia di diventare tragico (Cgil).
Il rapporto Eurostat è impietoso. La seguente tabella, desunta dal Rapporto, non lascia dubbi.

 

Siamo i primi in Europa. E’ un primato non invidiabile. Purtroppo il “quadretto” si sta ripetendo molto spesso, considerando anche altri contesti ( economia, politica, scuola…).
I giovani italiani “passivi”   tra i 20 e i 34 anni sono il 28,9%. Rispetto allo scorso anno il dato è calato, ma rimane drammaticamente alto, se lo consideriamo rispetto alla media europea (16.8%).

Alcune brevi considerazioni

Innanzitutto l’acronimo antepone lo studio al lavoro. Da qui la conferma che lo studio è fortemente inclusivo. Ovviamente quando questo non si riduce al “pezzo di carta”.
In questi giorni si parla molto di un editoriale di R. Ricci dal titolo “La dispersione scolastica implicita” .  Per inciso, l’aggettivo a mio parere è inappropriato. In questo mi trovo d’accordo con V. Pascuzzi, quando scrive: “La denominazione dispersione implicita appare impropria; meglio sarebbe dispersione occultata o nascosta perché questa dispersione è ben nota a tutto il mondo della scuola, cioè al binomio docenti-discenti e poi alla piramide organizzativa, burocratica, gerarchica dai presidi-ds in su fino al ministro, al governo, ai politici e ai sindacalisti rappresentativi e di base…
Comunque la dispersione esplicita e implicita rappresentano un valore in percentuale significativamente importante (20%) di quello che rimanda ai Neet. E questo sicuramente vorrà dire qualcosa.
Ultima considerazione: quasi 1/3 del futuro del nostro Paese si presenta tragico o quanto meno complesso. Questa prospettiva pare non interessare i nostri governanti, fortemente condizionati dal presente, declinato in spreed, legge di bilancio, compatibilità economiche… Del resto la situazione non stupisce . L’Italia è dentro la gabbia del “presente” che le impedisce di vedere l’orizzonte, il futuro. E questo spiega il lento e inesorabile declino del nostro Paese.

 

Questa voce è stata pubblicata in Opinioni, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.