“I ragazzi e la rete”, un’indagine del 2017

"I ragazzi e la rete"

“I ragazzi e la rete”, una’indagine che conferma tutte le sensazioni…

I ragazzi e la rete”, l’indagine (2017) conferma il rapporto privilegiato del “nativo digitale” con lo  smartphone e i rischi insiti nella navigazione nel Web.

“I ragazzi e la rete”, un’interessante indagine

I dati della ricerca “EU Kids Online per MIUR e Parole O_Stili” ( “I ragazzi in rete“) risalenti al 2017, confermano quanto spesso registrato empiricamente.
“”Lo smartphone è il principale strumento con cui ragazze e ragazzi accedono a Internet: è usato quotidianamente per andare online dal 97% dei 15-17enni e dal 51% dei bambini di 9-10 anni…Le attività online più diffuse sono quelle relative alla comunicazione e all’intrattenimento: il 77% delle ragazze e dei ragazzi di 9-17 anni usa internet tutti i giorni per comunicare con amici e familiari, poco più della metà guarda video online e visita quotidianamente il proprio profilo sui social media. Il 37% usa Internet quotidianamente per fare i compiti a casa.” 
Lo smartphone, è quindi il dispositivo  maggiormente utilizzato dai nostri ragazzi. Non è esagerato affermare che lo smartphone è il loro compagno, amico e interlocutore preferito. Sempre più percepito come una parte del proprio corpo. A volte più importante e interessante dei rapporti reali e portale di accesso a una dimensione dove è possibile decidere cosa leggere, ascoltare chi contattare e in caso bannare…

I rischi nella navigazione nel Web

In questo dimensione o mondo virtuale, apparentemente silenzioso e quasi deserto però diversi sono i rischi.
Dalla ricerca presentata oggi emerge che sono in aumento i ragazzi che hanno avuto esperienze su Internet che li hanno turbati: dal 6% del 2010 al 13% nel 2017. Il 31% degli intervistati (fascia 11-17 anni) ha dichiarato di aver visto online messaggi d’odio o commenti offensivi contro un individuo o un gruppo, attaccati per il colore della loro pelle, nazionalità̀ o religione. Di fronte a questi contenuti le ragazze e i ragazzi hanno provato tristezza (52% dei casi), disprezzo (36%), rabbia (35%) e vergogna (20%)… Sono poi il 6% le bambine e i bambini, le ragazze e i ragazzi di 9-17 anni che sono stati vittime di cyberbullismo nell’ultimo anno, il 19% quelli che vi hanno assistito. In questo caso i ragazzi si dividono equamente fra quanti hanno cercato di aiutare la vittima (49%) e quanti non hanno fatto nulla (50%). Aumenta l’esposizione a siti o blog con discussioni legate a contenuti negativi razzisti e discriminatori (33% degli intervistati).
Dati da tener presente nella stagione estiva, dove l’educazione è completamente in mano ai genitori. Ecco, comunque i grafici. Chiude un’interessante immagine-sintesi

 

Questa voce è stata pubblicata in Cyberbullismo, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.