Posted in: Cyberbullismo, Nativo digitale, Tutti gli articoli

I ragazzi in Facebook: il gruppo “segreto” ( 1 )

Closeup of young teenager girls having fun with internet on laptop

Lo scorso ann ho tenuto una conferenza sulla frattura intergenerazionale nel Web.
L’iniziativa ha avuto un seguito anche quest’anno ( due altre conferenze ).
All’interno di questa iniziativa presento anche i rischi ai quali possono incorrere i nostri ragazzi nell’uso del Web, da non confondere con Internet ( tanti dispositivi collegati tra loro ).
Ovviamente non poteva mancare l’uso “analfabeta” di Facebook. Mi spiego: i nostri ragazzi, presentati come “Nativi digitali” confermano anche in questo caso che l’espressione rimanda solo a una condizione temporale nella quale sono assenti conoscenze, abilità e competenze informatiche.
Nello specifico consiglio sempre ai ragazzi o ai genitori che seguono i propri figli nel Web di creare gruppi segreti. Il vantaggio di questa tipologia risiede nel fatto che gli esterni al gruppo, e quindi i non iscritti ( l’inserimento deve ricevere l’avvallo dell’amministratore del gruppo ) non hanno la visualizzazione dei membri cioè non può essere letto il  nome, cognome e proposto l’ avatar. Per quest’ultimo sconsiglio comunque sempre foto troppo personali, senza ad esempio occhiali da sole e  fotoritocco. Gli avatar migliori sono quelli che rimandano a fiori, personaggi del cinema o dei fumetti… Mi rendo conto che l’indicazione si contrappone al narcisismo dei nostri ragazzi, ma se consideriamo che secondo una ricerca il 57% delle foto presenti  nei siti pedopornografici sono prelevate e fotoritoccate opportunatamente dai Social, allora  ritengo utile un minimo di attenzione
Il grado di privacy invece si alza con il gruppo chiuso e si azzera praticamente con il gruppo aperto.
Esternamente il primo propone ai non iscritti l’elenco dei membri con il proprio avatar, ma non i postil secondo invece visualizza l’elenco dei membri, come il gruppo “chiuso” con la differenza di proporre anche la lettura delle discussioni, senza ovviamente la possibilità di poter di intervenire se non si è iscritti.
Pertanto si comprendono bene i motivi della scelta del gruppo segreto che oscura gli elementi critici di privacy: sicuramente la foto e informazioni personali. In questi ultimi anni ho dovuto ” bacchettare” qualche ragazza che tra le informazioni aveva inserito la scuola frequentata, la città  e in qualche caso anche l’indirizzo e il numero del cellulare ( fortunatamente solo in un caso ).
Concludendo, il/la ragazzo/a che intende entrare nel mondo dei social lo può fare in modo attento e prudente, creando un gruppo segreto, accettando l’iscrizione di compagni di scuola o amici e discutere all’interno di questo di argomenti per loro interessanti.  Ovviamente questa soluzione non è sicura al 100% contro tentativi di “prelievi non autorizzati” di informazini o foto. Comunque meglio della passerella del gruppo chiuso o aperto.