Posted in: Cyberbullismo, Esperienze, Tutti gli articoli

Idee. Convegno “Bullismo e cyberbullismo a scuola”


Ieri ( mercoledì 22 febbraio ) ho partecipato al Convegno ” Il bullismo e il cyberbullismo a scuola“. Ottima opportunità, colta al volo! Ho speso benissimo il mio tempo ( otto ore )!
La qualità degli interventi era molto alta. I relatori sono riusciti a presentare efficacemente   e in modo impressionistico i diversi temi! Complimenti a loro!
In sintesi i contenuti più significativi sono stati i seguenti:
1) Bullismo visibile, cyberbullismo spesso “impalpabile”
2) Profilo del bullo e del cyberbullo ( ha perso la speranza di sentirsi social in modo costruttivo, quindi per esistere deve fare qualcosa. Mette in pratica quello che vede nel mondo reale, fatto di violenza, prevaricazione…)
3) Azioni: prevaricante, ossessiva… Si serve spesso del branco…
4) La scuola è assente. Spesso indifferente al problema. Il 60% dei docenti non interviene.
5) I preadolescenti negano l’esistenza del problema, gli adolescenti meno
6) Cyberbullismo femminile più devastante di quello maschile
7) Più efficace un’azione di prevenzione con proposte di alfabetizzazione informatica  ( sicurezza, cloud, uso consapevole dei social e delle loro funzioni relative alla privacy…)
8) Altra azione preventiva è creare una rete di relazioni positive all’interno del gruppo classi e tra classi.
9)L’azione di prevenzione non ha costi sociali, mentre quella di “ricucitura psicologica” può risultare anche inefficace.
10) Altra grande assente è la famiglia. Si pensa che il problema coinvolga gli altri…
11) La culpa in vigilando e il cyberbullismo in ambito scolastico
12) E’ necessario che gli insegnanti e i genitori, “perdano del tempo” per conoscere  e sperimentare il virtuale dei media sociali, che sta modificando la dimensione cognitiva, affettiva, relazionale dei nostri ragazzi. Il tutto finalizzato a governare questi nuovi sfondi e non subirli.

Estremamente interessante il film della Polizia postale e delle telecomunicazioni di Luca Pagliari “Cuori connessi”. Sono proposti due casi di ragazze. Il tutto  partendo da foto o video
Su Youtube è presente una traccia di cinque minuti