Posted in: PNSD, Tutti gli articoli

Il Censis e il PNSD

censis-e1449227578834
Nel suo annuale Rapporto, giunto al traguardo dei cinquanta, il Censis apre una finestra sul PNSD. Il Piano che intende superare tra l’altro la contrapposzione laboratori0/aula, portando il primo a vivere e supportare la didattica ogni giorno, ha delle criticità.
Mi preme riflettere sulla mancata esplicitazione del piano formativo a supporto delle diverse azioni, che si tradurrebbe secondo le parole dell’Istituto nel ” rischio che l’entusiasmo tecnologico metta in ombra la rivisitazione dei modelli pedagogici, ovvero che le tecnologie siano utilizzate nelle scuole con un approccio didattico tradizionale”.
Da questo blog ho scritto diversi articoli ( “Competenze digitali?”, ” Coding e classe capovolta”, ” Animatori Digitali. La prospettiva alta “…) , invitando gli Animatori Digitali a comunicare gli aspetti prospettici ( Dove vogliamo arrivare? Quale profilo formativo 2.0  vogliamo realizzare?… ). Al momento, però, leggo tante azioni e iniziative, ma non supportate dalla visione formativa. Almeno io non le ho “intercettate” .  Se questa è assente si rischia di ridurre “il Piano al digitale” ad una serie di procedure da insegnare, scivolando in un tecnicismo che non appartiene al nostro profilo docente.
Coerentemente con quanto detto, le mie proposte formative ( ” Le mappe concettuali in Rete“, “Realizzare un video…, ” “Prepararsi all’Ecdl ” )  esplicitano sempre il piano alto della formazione.
Il PNSD nel rapporto 50° Rapporto-Censis