Posted in: Legge 107/05, Tutti gli articoli

Il chiaro messaggio del Miur

 

 L’ho  scritto ieri:
“La riforma si sta giocando su due fronti: uno parlamentare che per sua natura diventa pubblico, esposto alle luci della ribalta. Oggi si dice “mediatico”. Quindi più soggetto a controlli, al rispetto delle regole. Il secondo piano, invece, è quello nascosto, chiuso in una stanza del funzionario di turno che per ragioni varie ( convenienza o opportunismo politico…) firma circolari che mettono in moto procedure non ancora normate. , E’ il caso del comportamento scorretto messo in atto dal Miur nel quale si invitavamo gli Usr e in subordine i dirigenti scolastici “ad individuare le aree omogenee di attività e i relativi fabbisogni di personale secondo l’allegata scheda, avendo cura di specificare, per ciascuna area, le classi di concorso di riferimento” Insomma al Miur la “Buona scuola” è già diventata legge dello Stato.  L’Usr più solerte è stato quello dell’Abbruzzo, il quale dopo le numerose proteste e prese di posizione di sindacati, insegnanti sui social Network, ha dovuto immediatamente fare dietrofront.”
Aggiungo una diversa riflessione.
Una riflessione. Non credo nell’impreparazione  dei responsabili del Miur, bensì in un tentativo  da parte loro di evitare di dover accelerare,  ridurre  o bypassare  step necessari per conseguire gli obiettivi prefissati da alcune novità contenute nella “Buona Scuola “ di Renzi ( la stabilizzazione di centomila precari e la creazione degli albi territoriali…)  Si sa che la fretta è “cattiva consigliera”,  producendo spesso risultati diversi da quelli idealmente previsti. Questa considerazione è più di un’ipotesi se si considera  che l’attività estiva è ridotta o bloccata  per via delle  sacrosante ferie dei docenti e del  personale amministrativo. Se poi intendiamo andare oltre, allora la decisione del Miur è un chiaro messaggio al governo: siamo vicini allo scadere del tempo massimo per procedere efficacemente all’implementazione della “Buona Scuola” dal 1° settembre 2015 e  non intendiamo pagare noi la “lentezza governativa ( venti giorni dalla presentazione del Disegno di legge all’inizio della discussione alla Camera dei Deputati ) e parlamentare”. Considerato il carattere inequivocabile del messaggio, non è opportuno stralciare la parte della stabilizzazione e inserirlo in un Decreto Legge e rimandare il resto a settembre, avendo qualche mese di tempo per decidere? La velocità, Presidente Renzi, non sempre è associabile ad efficienza, in quanto potrebbe portare a “sbattere contro un muro”, distruggendo in modo irreparabile la macchina – scuola.