Posted in: Esperienze, PNSD, Tutti gli articoli

Il coding. Pratica educativa o moda?


Al termine di questo mia riflessione ( l’ennesima ) sul coding propongo un articolo ( link ) che presenta il “dark side” del Coding. L’autore definisce il coding una bufala! Espressione forte che rimanda ad una critica motivata verso questa nuova pratica educativa!
Non intendo togliere nulla alla lettura e riflessione  personale, quindi mi fermo qui!
Punto invece il dito sulle diverse pratiche proposte in ambito informatico, ponendo una semplice domanda, consapevole di non avere alcuna risposta preconcetta: le tante strategie o attività che stanno caratterizzando ” l’attuale primavera digitale” sono il prodotto di una riflessione autonoma dei docenti,  o imposte dal mercato e/o da soggetti esterni ai nostri contesti formativi? In altri termini: “il digitale” è una configurazione metodologico-didattica elaborata autonomamente dai docenti?  E’ un’  evoluzione e integrazione di quelle preesistenti oppure gli insegnanti e in genere la scuola ( i miei riferimenti sono la scuola primaria e secondaria di primo grado ) stanno subendo una nuova invasione in nome del ” nuovismo”, del ” cambiamento è sempre positivo”?
Mi piacerebbe aprire un dibattito senza steccati “ideologici”.
Articolo