Il Coronavirus ha fatto saltare il banco!

Coronavirus

Coronavirus, ha fatto saltare il banco. Non ha vinto la guerra, ma la battaglia. I costi però sono altissimi.

Il Coronavirus sta vincendo su più fronti, mandando in frantumi la nostra “bolla esistenziale”, finalizzata a dimenticare la nostra condizione creaturale e nascondere il fallimento dell’Europa.

Il Coronavirus ha “fatto saltare il banco”

Il Coronavirus un microrganismo ha fatto saltare il banco. Sta vincendo su tutti i fronti. Fortunatamente non sta vincendo la guerra, bensì una o più battaglie. Se pensiamo ai costi, però ci  tremano i polsi.
Pensiamo innanzitutto alle persone decedute. Ognuna delle quali rappresentava un valore tolto all’umanità  dalla morte. E’ sempre stato così, da quando esiste l’uomo. Oggi però la perdita è ampliata dal palcoscenico offerto dai media al Coronavirus.
A questo occorre aggiungere che il  Coronavirus sta vincendo sulle nostre illusioni, sui nostri proclami finalizzati a canalizzare la realtà in categorie  e quindi tenere fuori dalla porta l’irrazionale. Il Coronavirus rappresenta una di quelle situazioni-limite, teorizzate da K. Jaspers, dove sperimentiamo la nostra relativa libertà e la condizione creaturale esposta al “naufragio della morte”.
Il Coronavirus, inoltre ha  messo a nudo la nostra fragilità, condizione rimossa dalla tecnica, espressione della volontà di potenza. In altri termini, ci siamo illusi che dominando la Terra, e quindi riducendo tutto a oggetto (le persone le relazioni e gli affetti…), potessimo certificare la creazione di un nuovo mondo, in grado di sostituire progressivamente quello aspro e complesso della realtà. Da qui la perdita del senso greco del limite, racchiuso nella definizione del mortale, riferito all’uomo.

Anche la Comunità rischia di implodere

Infine, il Coronavirus sta confermando la vacuità del termine “Comunità europea”. Situazione già sperimentata con l’immigrazione ed ora anche con l’opposizione dei Paesi del Nord (Germania, Olanda…)  a sostenere la proposta di Conte e Macron, riguardante l’emissione di Eurobond o Coronabond, attrarveerso i quali il debito dell’emergenza sarebbe garantito e distribuito tra i Paesi europei.