Il cyberbullo non compare come un fungo!


Interessante questo articolo che analizza le cause che favoriscono nel ragazzo l’assunzione del profilo del cyberbullo. In sintesi la responsabilità è in  primis dei genitori che già in tenera “abbandonano” i propri figli nella giungla del Web, consegnando loro lo smartphone. In altri termini la loro identità è progressivamente costruita  ”  senza regole, senza valori, senza autorevolezza genitoriale e scolastica” da soggetti e agenzie che si propongono altri fini. Questi hanno come riferimento”  modelli di perfezione, di talenti o meglio di talent, che pressa e punta al primeggiare. Modelli basati sulla popolarità, sulla approvazione social e sociale, su un ruolo che deve essere mantenuto anche a discapito della salute dell’altro. Prima il proprio divertimento e poi l’altro.”
Ottimo il taglio della riflessione che mette in luce la debolezza di una convinzione diffusa tra i genitori esplicitata nel ” ai miei figli questo non succederà mai!” e che li porta a non partecipare ad incontri, conferenze sul cyberbullismo. Convinzione che spesso nasconde il loro disimpegno ad informarsi, a comprendere i propri figli diversi da quelli di dieci-quindici anni fa. Poi però, quando succede, allora ci si accorge che davanti a loro c’era un muro, che li riconduce alla realtà!

Questa voce è stata pubblicata in Cyberbullismo e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.