Il grembiule in classe, l’uguaglianza formale della Destra

Il grembiule in classe

Il grembiule per tutti gli alunni. La proposta della Destra, sempre attenta all’uguaglianza in entrata, meno a quella d’uscita

Il grembiule in classe, proposta prevedibile di una destra attenta alle condizioni d’entrata. Nulla di nuovo sotto il sole. I problemi attuali della scuola girano intorno all’uguaglianza sostanziale.

Grembiule in classe, la proposta di Salvini

Qualche giorno fa  M. Salvini ha dichiarato che intende rimettere i grembiuli ai bambini della scuola primaria ” così tutti i bambini sono uguali
Immediato il sostegno del ministro leghista M. Bussetti. Non poteva essere diversamente, considerando il colore politico del responsabile del Miur: “li ho indossati anche io, li ho portati e credo che permettano, dal punto di vista dell’inclusione sociale, di far sì che tutti gli studenti e i nostri alunni possano sentirsi a miglior agio all’interno delle classi
La proposta non mi meraviglia.

L’uguaglianza delle opportunità in entrata, il limite della destra

La destra moderna si è sempre caratterizzata per un’attenzione all’uguaglianza in entrata, identificando questa come la soluzione ai problemi della scuola. Il riferimento è l’art. 3 comma 1 che recita: ” Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali
Ma questo è il limite della destra, che fatica a comprendere che occorre  “rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese. (art. 3 comma 2 Costituzione Italiana).
La strategia è chiara: proporre soluzioni, spesso a costo zero (educazione civica) finalizzate a distrarre dai reali problemi. Fa parte della strategia comunicativa moderna.

I problemi sono altri

Invece la scuola necessita di investimenti. Scrive L. Fazi su Ilfattoquotidiano:”Investire in istruzione è fondamentale per lo sviluppo di un Paese e per rispondere ai cambiamenti economici e sociali in atto nel mondo contemporaneo. I governi che si sono succeduti dal 2010 al 2017 ovvero nella fase più acuta della crisi economica sono riusciti a togliere circa otto miliardi alla scuola, inaugurando un regime di scarsità di risorse propagandato come meritocrazia.”
Queste risorse potrebbero servire anche ad abolire le classi pollaio (Riforma Gelmini) Vera soluzione per una scuola realmente inclusiva. Mi chiedo: ma il Ministro Bussetti, non dico Salvini, da quanto non entra in classe?

 

Questa voce è stata pubblicata in Opinioni, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.