Posted in: Cyberbullismo, Recensioni, Tutti gli articoli

Il metodo anti-cyberbullismo

bullismo_sposini_Il_metodo_anti-cyberbullismo
In modo silenzioso e pericoloso si sta accentuando la frattura tra i “nativi digitali” e “gli “immigrati digitali”. In quest’ultima categoria, ovviamente inserisco anche l’istituzione scolastica, costituita da educatori che inconsapevolmente stanno rischiando di  non comprendere più  i loro studenti. Questi ultimi sono sempre più definiti da un profilo 2.0, mentre gli adulti in genere sono convinti di trovarsi di fronte al classico ragazzo da pensiero sequenziale, da “identità e relazioni solide”…
Un aspetto di questo nuovo profilo, che in realtà è una conseguenza di un uso superficiale dei Social Network, è il cyberbullismo. Qui la presenza degli adulti si riduce  al lumicino. Secondo una ricerca della Società Italiana di Pediatri ( 2014 ) l’84% dei ragazzi parla di quest’esperienza solo a coetanei.
Detto tutto questo, il lavoro della psicologa C. Sposini è un primo approccio al fenomeno. L’A. riesce nell’intento di presentare sinteticamente il cyberbullismo nelle sue diverse sfaccettature, evidenziando innanzitutto le differenze con quello classico
Gli ultimi due capitoli sono rivolti ai genitori e agli insegnanti, proponendo loro alcune soluzioni costruttive e quindi utili a gestire la complessità del rapporto educativo con i “nativi digitali”.

La mia proposta di conferenza può essere un’integrazione al lavoro recensito
Leggi programma Conferenza