Il Ministro Bussetti, continua a parlare…

Il Ministro Bussetti

Il Ministro continua a straparlare. Modalità comunicativa efficace solo politicamente.

Il Ministro Bussetti, continua a rilasciare interviste. Purtroppo queste risultano contraddittorie, rispetto ai suoi comportamenti. E’ la conferma di una modalità comunicativa vuota e incoerente.

Il Ministro Bussetti e l’ultima dichiarazione

Il Ministro continua il suo tour di interviste e dichiarazioni. L’ultima in ordine di tempo
è stata rilasciata a Mattino Cinque, trasmissione di Canale 5. Si legge su Tecnicadellascuola.it” Negli ultimi anni – ha aggiunto – avevamo vissuto la Buona Scuola, parlando troppo dei professori e troppo poco degli studenti e del personale amministrativo che è la struttura portante della scuola. Una sottolineatura importante: il ministro ha di fatto ricordato che tra gli “attori” che operano nella scuola non vi sono solo gli insegnanti, ma anche gli Ata e prima ancora gli alunni.” In sostanza afferma la centralità dell’allievo!

Bussetti è un ministro politico

Il Ministro Bussetti si rivolge prevalentemente a un pubblico che non legge, non si informa e che ha perso la capacità di decodificare contenuti complessi. E’ un tipo di comunicazione  televisiva, veloce, superficiale ma efficace.
Fiumi di parole destinati a durare poche ore, grazie anche  al meccanismo comunicativo del frullatore, caratterizzato dalla velocità e capacità di mescolare, nascondere e/o annullare gli contenuti. Per queste caratteristiche si presta molto alla comunicazione politica. Ecco spiegati i motivi della continuità comunicativa tra il Ministro Bussetti e suoi predecessori: Gelmini, Profumo, Giannini e Fedeli.

La prima incoerenza  del Ministro Bussetti: le classi pollaio

Ora non è difficile reperire le prove di quanto scritto sopra.
Quando il Ministro Bussetti parla della centralità dello studente, dimentica che quest’ultimo frequenta l’aula. Ambiente divenuto invivibile e ostacolo all’attuazione di una formazione alta e profonda. Mi riferisco alle classi pollaio. Quest’estate il Ministro le ha liquidate come un problema di pessima gestione delle scuole con le famiglie. Dichiarava infatti: “la media a livello nazionale è di 21,1 alunni per classe. In qualche caso per iscrizioni avvenute anche dopo i termini previsti o per la presenza indirizzi di studio particolarmente specializzanti, e al solo fine di accontentare il più possibile le famiglie e gli alunni, si è verificato  il caso della costituzione di singole classi numerose, ma sempre nel rispetto del D.M. del 2009″ Questo spiega anche il suo silenzio sulla Proposta di legge Azzolina, finalizzata all’abolizione di questo obbrobrio organizzativo.

La seconda incoerenza: la regionalizzazione dell’istruzione

La seconda  contraddizione (e non è l’ultima) risiede nel progetto di regionalizzare l’istruzione, verso il quale il Ministro Bussetti sì è espresso favorevolmente. Sicuramente il suo fine non è quello di migliorare l’istruzione, bensì di differenziarla, frantumando l’impegno della Repubblica per una formazione di qualità,  rimuovendo tutti gli ostacoli che ne impediscono il raggiungimento (Costituzione italiana, art. 3 comma 2). Del resto è stato  lo stesso Ministro Bussetti a evidenziare il carattere esclusivo del progetto, nel senso che lascia fuori gli studenti. Ha dichiarato, infatti qualche mese fa (ottobre 2018): “Regionalizzare docenti e presidi? Buona idea.”

Questa voce è stata pubblicata in Politica, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.