Il Ministro Carrozza. Sempre peggio!

In un mio precedente articolo scrivevo che l’autonomia del MInistro Carrozza era fortemente condizionata dalla “Direttiva Saccomanni“. In pratica il MEF ( Ministro dell’Economia e Finanze ) ha praticamente commissariato tutti i Ministeri, dichiarando che le risorse per finanziare progetti, iniziative… devono essere  trovate all’interno di altre voci. Quest’ultime, quindi saranno oggetto di risparmi, non tagli  come dichiarato dal sottosegretario Marco Rossi Doria in risposta  a mio  post.
Il ministro Carrozza, quindi invece di dimettersi, come aveva dichiarato, si è adeguata. Probabilmente, qualcuno l’ha informata che la responsabilità del MPI, è un’ottima opportunità per fare carriera politica ( Gelmini docet ).
Pregiudizio? No!!! Ecco  due fatti, che il Ministro molto opportunamente non presenta nelle sue “dotte interviste“:
1) ha finanziato i tirocini formativi, distogliendo risorse ( 7,6 milioni di € ) per la valorizzazione della professione docente, contraddicendosi quindi su quanto aveva dichiarato nel suo piano programmatico del 6 giugno;
2) ha stornato 25 milioni ( 2014 ) e 50 milioni ( 2015 ) dai bilanci delle scuole  per le nuove assunzioni all’università.
Se questo è il “buongiorno”, non mi meraviglierei se fosse confermato il “rumour” nel web sul fondo di dieci milioni di euro per la formazione tecnologica. Le risorse verranno trovate mediante un “dimagrimento” del fondo previsto dalla legge 440/97 a sostegno dell’autonomia scolastica.
Ma le azioni “disastrose” del Ministro non finiscono qui. Continuando nel suo muoversi condizionato da attori esterni ( gli editori ), ha fermato l’introduzione degli ebook per l’a.s. 2014-15, dichiarando che vuol, capire meglio la situazione.  Ora è indubbio che molti ebook sono in formato .pdf e quindi scarsamente formativi dal punto di vista tecnologico, ma una conferma avrebbe costituito un punto di rottura. Da qui il reperimento di materiale multimediale e ipertestuale in formato ebook non sarebbe stato difficile per chi è un assiduo frequentatore del Web.  Ovviamente tra gli internauti specializzati non includo gli editori e tanto meno molti autori  che spesso in conferenze e corsi di aggiornamento presentano i loro lavori attraverso l’uso “analfabetico” di PowerPoint.
Nella vicenda degli F35 il ministro è risultato assente, invisibile. Infatti, non ho letto dichiarazioni di dissenso, di fastidio. Eppure ne avrebbe tutte le ragioni, considerato il suo “Parco macchine” ( = scuole) piuttosto malridotto. Secondo la Protezione Civile occorrerebbero 13 miliardi  di €   per mettere in sicurezza tutte le scuole.  Inoltre solo l’8% delle scuole sono sicure contro eventi sismici. Eppure di fronte a questi dati, che il Ministro opportunamente  non cita nelle sue “dotte interviste”, si pavoneggia per il 4% ricevuto per gli interventi urgenti sulla sicurezza.
Concludo: in questi mesi il Ministro sta rilasciando interviste a iosa, spesso dotte,  ma che servono unicamente a nascondere i primi mesi di “fatti” assolutamente disastrosi per la scuola.  Inoltre sia lei, sia il sottosegretario Marco Rossi Doria non rispondono alle tante sollecitazioni sui Social Network.

Questa voce è stata pubblicata in Opinioni e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.