25 Febbraio 2021

Il Ministro Patrizio Bianchi e i problemi concreti

By Gianfranco
Il Ministro Patrizio Bianchi

Il Ministro Patrizio Bianchi ieri ha avuto un assaggio dei problemi concreti che dovrà affrontare

Il Ministro Patrizio Bianchi e i problemi concreti. Questi saranno le urgenze da affrontare nei prossimi mesi. Per le riforme ci sarà tempo dopo l’emergenza Covid

Il Ministro Patrizio Bianchi e gli scenari ideali

Il Ministro Patrizio Bianchi fino a ieri si è lasciato andare a molte interviste e dichiarazioni, tanto da rischiare l’annuncite o proclamite. Molti dei temi costituiscono puzzle di un grande disegno riformista. Alcuni sono stati già anticipati a settembre con la sua pubblicazione ” Nello specchio della scuola“. Il titolo è già indicativo di un rispecchiamento sociale della scuola. Si parla di una scuola che “torni a essere, o meglio divenga, il motore di una crescita di un paese che da troppo tempo è bloccato”. Ovviamente il lavoro parla di molto altro, ma accostando  quasi sempre  il sistema scolastico al mondo del lavoro. In altri termini prevale il funzionalismo economico alla Scuola della Costituzione.

Il Ministro dovrà confrontarsi con problemi concreti

Ieri si è svolto il primo incontro con le parti sociali. Al nuovo Ministro sono stati posti problemi più concreti, tutti legati all’emergenza sanitaria che probabilmente condizionerà buona parte del prossimo anno scolastico. In sintesi sono  “quelli di sempre. Innanzitutto il precariato: il ministro ha ammesso che ammonta a 213mila insegnanti. Non sono state fornite ancora soluzioni, né sarebbe stato possibile a pochi giorni dall’insediamento. Per Pino Turi, segretario generale della Uil scuola bisogna superare il sistema dei concorsi che «ha mostrato tutti i suoi limiti nella scuola». Servono, invece, «soluzioni alternative». E’ il principale nodo da sciogliere per assicurare un rientro a settembre con classi finalmente meno affollate e quindi in grado di affrontare meglio un autunno che non si annuncia del tutto libero dalla pandemia.” (La Stampa)
Aggiungo la gestione dei vaccini per il personale scolastico e gli studenti e delle varianti del Covid-19. Gli effetti di queste modificazioni del virus cinese, già sono presenti. Si legge su “Il Messaggero”: Le varianti del Covid stanno chiudendo le scuole. Ciò che non è stato deciso per decreto, sta avvenendo per effetto del contagio. E sulle ali della mutazione inglese che colpisce con più efficacia i minori (per fortuna senza effetti gravi sulla loro salute) causa una dopo l’altro lo stop delle lezioni, come tessere di un domino. I dati dell’Istituto superiore di sanità sono emblematici: il 17,5 per cento dei nuovi casi positivi, nell’ultimo mese, è rappresentato da under 18, dunque da studenti. Questa percentuale, nei primi mesi della pandemia, era attorno al 2-3 per cento.”
Questi saranno i nodi che il Ministro dovrà sciogliere. Ovviamente la base di partenza sarà il piano Azzolina con qualche miglioramento. Per le riforme ci sarà tempo, ma dopo che la convivenza con il virus sarà simile a quella con l’influenza o il raffreddore.