Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Il Ministro Valeria Fedeli. Una conferma!


In questi casi preferirei non ricevere conferme! Non aver ragione! Valeria Fedeli non intende introdurre elementi di discontinuità rispetto alle decisioni prese dall’esecutivo precedente ( La Fedeli uguale alla Giannini, Con la Fedeli si rallenta non si cambia ) Non poteva essere diversamente! Non potevamo aspettarci segnali di discontinuità da un parlamentare ( V. Fedeli ) che ha votato la L. 107/15.
Quando Renzi ha rassegnato le dimissioni, molti miei colleghi hanno gioito, dimenticando che la stessa situazione era stata vissuta con la caduta del governo Berlusconi ( novembre 2011 ). Credevano di aver toccato il fondo con la Giannini! Si auguravano in un “cambiaverso” nella politica del Miur.  L’illusione era alimentata dall’attenzione eccessiva al particolare e poco al contesto. Ho scritto che ogni personalità politica chiamata a ricoprire la funzione di Ministro non può recitare una parte diversa rispetto a quella imposta dalla sceneggiatura del finanzcapitalismo ( L. Gallino ). La stessa situazione si ripeterà finché non cambierà il copione.  Purtroppo il Pd, pur dichiarandosi di sinistra, non ha la forza o la voglia  per uscire da questo schema. Non riesce più a dire qualcosa di sinistra e quindi a contrapporsi al verbo economico imperante. Suggerisco la lettura di due contributi ” alti ” ( Michéa J.P “I misteri della sinistra“, Neri Pozza – Barba A., Pivetti M. “La scomparsa della sinistra in Europa” Imprimatur ) che riflettendo sui fatti hanno sanzionato la fine della sinistra, come forza propulsiva per l’affermazione dei diritti sociali ( istruzione, lavoro…). Sulla medesima posizione è il filosofo  marxiano e gramsciano D. Fusaro ( Il futuro è nostro. Filosofia dell’azione.  e Minima Mercantalia. Filosofia e capitalismo , Bompiani – Europa e capitalismo, Mimesis ). Buona lettura e purtroppo fine delle illusioni!