Posted in: Contratto scuola, Diritti, PNSD, Tutti gli articoli

Il Miur non si ferma più

animatori-digitali-1

“Ciascun istituto scolastico scolastica dovrà individuare ( 11-16 marzo ), tenendo conto anche del parere dell’animatore digitale:

  • n. 3 docenti che andranno a costituire il team per l’innovazione digitale. Essi costituiranno il team per l’innovazione digitale che supporterà l’innovazione digitale e l’attività dell’AD
  • n. 2 assistenti amministrativi;
  • n. 1 unità di personale (ATA o docente) per l’Assistenza tecnica, c.d. Presìdi di pronto soccorso tecnico (per le sole istituzioni scolastiche del primo ciclo) ;
  • n. 1 assistente tecnico (per le sole istituzioni scolastiche del secondo ciclo).”Interessante l’idea, da me sponsorizzata di un team che supporti l’attività dell’A.D. Personalmente sono convinto della necessità di diffondere la formazione 2.0 ( non mi piace l’espressione “cultura digitale” )
    Il problema però è il compenso. Non è previsto neanche per queste figure intermedie.
    E al Miur questo “giochino” piace, ricevendo, tra l’altro,  “rinforzi positivi” dall’adesione degli 8.000 animatori digitali che pur lamentandosi, continuano nel loro impegno a mostrare la loro professionalità a  compenso zero .
    L’approccio del Miur, però, non si è limitato al PNSD, ma ha riguardato anche gli e-tutor,  ( non mi risulta che abbiano ricevuto compensi. Mi piacerebbe, ovviamente, essere smentito ) i mobility manager e i commissari per il concorso ordinario incentivati questi ultimi con un compenso irrisorio e irrispettoso.
    Ormai a Viale Trastevere hanno compreso che i docenti sono disponibili a tutto. Quindi perché non insistere?