Posted in: Opinioni, PNSD, Tutti gli articoli

Il “no” francese al Piano Digitale

numerique-409x400

In Francia, si sta diffondendo la protesta contro l’invadenza del “digitale” nelle scuole. L’opposizione  ha un suo fondamento: l’introduzione dei dispositivi informatici non garantisce “ipso facto” un miglioramento dei livelli di apprendimento degli studenti. Avviene, anzi, il contrario: “rendono difficile la concentrazione, diminuiscono la capacità di riflessione e di calcolo, non stimolano la creatività.”  Il dato è supportato anche dal Rapporto Pisa che sinteticamente registra che una sovraesposizione ai dispositivi elettronici peggiora la comprensione di testi scritti. Scrive M. Spitzer nel suo ultimo lavoro “Solitudine digitale” che il multitasking  non appartiene alla razza umana. E’ semplicemente una “favola metropolitana”, probabilmente indotta anche dalle grandi aziende informatiche degli smartphone.
E’ un bene che queste critiche siano tenute in giusto conto. La scuola e la  diffusa digitalizzazione  sono due mondi inconciliabili, in quanto gli sfondi, le prospettive sono diverse. L’azione della prima è formativa! Valorizza la promozione della persona che si costruisce sugli elementi critici e riflessivi del pensiero. La cornice per realizzare questi obiettivi è la capacità di attivare l’attenzione e l’impegno per il tempo richiesto all’espletamento del compito. Il mercato informatico, invece, ha solo il profitto come prospettiva, proponendo prodotti che gradualmente stanno polverizzando il nostro “Io”, sempre più prodotto di sensazioni ed emozioni ( D. Hume ).  Se la scuola facesse sua l’istanza della completa digitalizzazione, rischierebbe di perdere la prospettiva formativa e quindi il fine che giustifica la sua presenza.
Occorre, che ogni nuova pratica informatica sia preceduta dalla riflessione pedagogica dei docenti. In questo modo l’istituzione scolastica manterrebbe la sua identità culturale e pedagogica, in un contesto liquido e postmoderno, impegnato a fagocitare tutto sull’altare del progresso, del veloce e dell’efficienza.
Il nostro PNSD è composto da 35 azioni “digitali” , dalle quali è difficile individuare  il raccordo con il profilo educativo, presentato a  pag. 7 del PNSD: ” Questo Piano risponde alla chiamata per la costruzione di una visione di Educazione nell’era digitale, attraverso un processo che, per la scuola, sia correlato alle sfide che la società tutta affronta nell’interpretare e sostenere l’apprendimento lungo tutto l’arco della vita (life-long) e in tutti contesti della vita, formali e non formali (life-wide). ” Nel capitolo 3 si legge ancora:  In particolare, occorre rafforzare le competenze relative alla comprensione e alla produzione di contenuti complessi e articolati anche all’interno dell’universo comunicativo digitale, nel quale a volte prevalgono granularità e frammentazione. Proprio per questo è essenziale lavorare sull’alfabetizzazione informativa e digitale (information literacy e digital literacy), che mettono al centro il ruolo dell’informazione e dei dati nello sviluppo di una società interconnessa basata sulle conoscenze e l’informazione.”
Frequentando diverse pagine Social degli Animatori Digitali ho l’impressione che si corra dietro all’ultima novità o idea, senza presentare il  “piano alto formativo ” che giustifica la loro introduzione nella prassi didattica. Potrei anche sbagliarmi! Quindi pronto a ricredermi, ma dopo aver letto qualche progetto formativo.
Monta la protesta