Il pensiero critico e le fallacie argomentative

Il pensiero critico

La capacità di argomentare senza errori logici, favorisce il pensiero critico

La post verità e il tramonto del pensiero critico

Il pensiero critico. Il web è una grande opportunità di conoscenza, di interazione e integrazione. Però, come tutte le realtà umane il grigio è il colore caratterizzante. Mi spiego. Nel Web sono presenti risorse e altro che coesistono, però con delle realtà negative e variegate al loro interno. 
Qui parliamo di post verità. Questa nuova espressione “liquida” si caratterizza per l’esaltazione degli aspetti emotivi e affettivi che possono alterare i fatti, condizionandone il giudizio. Le fake-news sono l’esempio dell’affermazione del “fascio di sensazioni” (D. Hume) che sta favorendo l’affermazione di un io acritico, che non verifica l’attendibilità e l’oggettività della notizia.

Accanto alle fake news, esistono anche…

Scrive G. Marini: “Senza nulla togliere al dibattito sulle fake news vorrei focalizzare l’attenzione su un fenomeno strettamente intrecciato alla diffusione di notizie false e, forse, molto più pervasivo, quello delle fallacie nel ragionamento. Si tratta di errori logici che nascono da difetti (spesso voluti) con cui sono costruite le argomentazione del discorso pubblico in ogni ambito: dai social alla politica, dalla pubblicità alla morale, dalla cronaca alle varie forme di storytelling, al punto che gran parte della comunicazione contemporanea è intessuta sul filo delle fallacie.Le fallacie argomentative sono ragionamenti che sembrano corretti ma contengono degli errori in uno o più elementi costitutivi del ragionamento”

Un interessante studio sulle fallacie argomentative

Segnalo questo sito che propone un articolato studio su questo aspetto della post-verità. In fondo alla pagina sono proposte 41 tipologie di fallacia argomentativa. Un’opportunità per individuare questo aspetto poco trattato, ma molto presente nei gruppi social, nei massmedia e altro ancora. Rappresenta un’occasione per consolidare il pensiero critico, che rende l’uomo libero.

 

 

 

 
 
 

 

Questa voce è stata pubblicata in Formazione e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.