Posted in: Cyberbullismo, Tutti gli articoli

Il ricatto dei cyberbulli professionisti

cyberbulli-bullismo-web-facebook-violenza-social

Qualcuno mi ha chiesto il perché della pubblicazione di una serie di articoli  sui rischi nella navigazione nel Web. In questo tempo dedicato al riposo, alle vacanze e baciati da tante ore di sole, l’argomento è fuori luogo, è stonato. Non condivido. Questo è il periodo nel quale i nostri ragazzi hanno più tempo libero, spesso “toccato” dalla noia. Questa condizione è la più favorevole a passare molto tempo a digitare o a fare touch con i propri dispositivi. E dato che queste azioni hanno una finalità sociale cioè rivolte a consolidare rapporti virtuali o ad avviare nuove relazioni  con  un compagno, uno sconosciuto, allora le mie riflessioni sono necessarie.
Bene, detto questo occorre ribadire che non bisogna mai avviare una relazione virtuale con persone che non si conoscono. Le conseguenze potrebbero essere  molto serie se la controparte è un  “cyberbullo professionista”
Presentiamo, allora, le fasi di questo “abbordaggio”.
1) Al ragazzo/a è proposta una nuova amicizia, proveniente da un profilo  rappresentato da un avatar, foto e informazioni  rassicuranti. Il profilo è un fake, alterato nel quale le foto sono spesso la sintesi di materiale equivalente prelevato da identità con password deboli ( ricordo che una password “robusta” deve essere costituita da caratteri alfanumerici e speciali );
2) Se il malcapitato accetta l’amicizia, allora inizia uno scambio di messaggi. Al “cyberbullo professionista” questa prima fase serve per capire quali possono essere emotivamente e affettivamente   i punti deboli del ragazzo/a  Ad un certo punto il “cyberbullo professionista” propone di continuare lo scambio ” epistolare”, in chat, chat room, o utilizzando Skype. La proposta è giustificata da una condizione più favorevole a confidenze;
3) quando il rapporto ha raggiunto un  adeguato livello di profondità, al ragazzo/a sono proposti giochi erotici da  riprendere  con la sua webcam. “L’esperto cyberbullo” chiede poi una copia dei filmati;
4) se il ragazzo/a invia questo materiale, allora inizia un viaggio che può anche non terminare. “Il cyberbullo professionista” inizia a ricattare il malcapitato, minacciandolo di diffondere i filmati nei canali del Web, compreso il Dark Web ( siti pedopornografici, di incitamento alla violenza, all’odio razziale… protetti dalla rilevazione dei motori di ricerca ), se egli non riceverà un compenso ( 500€-1.500€  secondo la polizia postale );
5) anche in caso di pagamento ( sorge una domanda: come fa il malcapitato a procurarsi la cifra richiesta ?) e di invio del materiale filmato, il ragazzo/a potrebbe ricevere in tempi brevi altre richieste di denaro, in quanto il “cyberbullo professionista” furbo potrebbe conservare una copia dei filmati. In altri termini: “il giochino potrebbe non terminare mai” almeno che il malcapitato abbia il coraggio di confidarsi con i genitori.