Posted in: Opinioni

Il sonno della Carrozza

Solitamente un provvedimento che diverrà Dpr richiede una discussione preventiva o quanto meno una sua presa di conoscenza all’interno del Governo . Quindi anche se il DpR 122/13 – Regolamento in materia di proroga del blocco della contrattazione e degli automatismi stipendiali per i pubblici dipendenti – porta la firma di Letta, Saccomanni e Napolitano, il Ministro Carrozza  era stata messa a conoscenza, in quanto componente del Consiglio dei ministri e responsabile di un dicastero coinvolto nel provvedimento.  Quindi non può dichiarare, come ha fatto due giorni fa  di opporsi – sua dichiarazione “”No al rimborso degli scatti” al prelievo forzoso dello scatto stipendiale –   deciso da Saccomanni e imposto  da un provvedimento divenuto  LEGGE DELLO STATO e approvato indirettamente anche da lei.  Del resto il testo risulta chiaro all’ articolo 1 comma 1 lettera a): le disposizioni recate dall’articolo 9, commi 1, 2 nella parte vigente, 2-bis e 21 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, sono prorogate fino al 31 dicembre 2014. Quindi il Ministro Concludendo: la Carrozza deve spiegarci i motivi del suo “risveglio comunicativo” avvenuto dopo dieci giorni dalla emanazione della nota del Mef ( 27 dicembre )  e provocato     dalla “sgridata “  di D. Faraone responsabile Scuola e Welfare del Pd.