Posted in: Opinioni, Pedagogia, Tutti gli articoli

Il valore pedagogico della “sconfitta”

Pier-Paolo-Pasolini
Una bella riflessione di uno degli ultimi “maestri” del ‘900: P.P. Pasolini.
Ne ho fatto una caratteristica della mia didattica: educare i bambini, gli alunni alla “sconfitta”, alla “frustrazione”, “al senso del limite”. Operare in questo modo significa porsi controcorrente, rispetto al
pensiero dominante, caratterizzato dall’apologia dell’illimitatezza, spesso determinata anche dalla rimozione dell’ “essere per la morte” ( M : Heidegger ), intesa quest’ultima non come evento naturale, ma come coscienza dell'”impossibilità dell’esistenza ad aprirsi alla possibilità”.
Da leggere e da attuare in quella pedagogia dell’errore, inteso come evento auspicabile e necessario anche per progredire ( K. Popper ). Il tutto in quella logica del pensiero greco, caratterizzato dalla misura, dal senso del limite o come scriveva F. Nietzsche dal “senso della terra”.
Immagine1