Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Il vero volto della “sinistra evaporata”

la sinistra

la dichiarazione di F. Taddei certifica la ” liquidità della sinistra” ormai evaporata e quindi invisibile
nel contesto dove il mercato è diventato il nuovo dio. Questa vale più di tante dichiarazioni di circostanza dove ancora si parla di sinistra, nascondendo però la discontinuità con la lotta dei diritti sociali.
La dichiarazione potrebbe essere un ottimo punto di partenza per la scrittura di un libro o per una tesi di laurea.
Una mia breve riflessione.
Questa sinistra rispecchia l’abbandono dell’undicesima tesi su Feurbach ( K. Marx, 1845 ) ” I filosofi hanno [finora] solo interpretato diversamente il mondo; ma si tratta di trasformarlo“. ( il grassetto è mio ). In altri termini, la sinistra è diventata postmoderna, abbandonando la ” modernità”, caratterizzata da una prospettiva di miglioramento. La sinistra è divenuta “completativa dello status quo” abiurando la prassi che trasforma il mondo. La realtà è divenuta una “cosa in sé”, percepita con leggi proprie e quindi ritenuta  indipendente dall’azione dell’uomo (F. Hegel ). La sinistra ha “ricertificato”  la frattura tra teoria e prassi, dove l’analisi, la riflessione si ferma nel binario morto ” delle passioni tristi” ( B. Spinosa ), rese leggere dall’assenza dell “oltre” , dall’ipertrofia del presente.