Posted in: Legge 107/05, Tutti gli articoli

Il video discorso del maestro Matteo

Immagine renzi

Ho ascoltato più volte il discorso del Presidente Matteo Renzi. La coreografia è stata perfettamente studiata ( lavagna, gesso e biblioteca ) tanto da trasmettere il messaggio di un maestro che impartisce la  lezione ai suoi “scolaretti”. Ma chi sono questi studenti? Gli insegnanti? Non credo. La maggior parte di noi l’ ha già sfiduciato e mi auguro che confermerà questo giudizio anche il 31 maggio.  Sono persuaso che i suoi studenti siano la generica e magmatica opinione pubblica.  E’ risaputo che essa legge poco o nulla, si informa solo attraverso i “Cinegiornali”, poco propensi per opportunità politica ad entrare nei fatti, ad approfondire. Come sempre, tento di argomentare , questa mia convinzione. I primi due punti cioè l’ alternanza scuola-lavoro e la cultura umanista ( grande errore del Presidente ) sono trattati in modo molto generico, sui quali è difficile non essere d’accordo. Sul terzo, si usa la tecnica del dare prima la notizia con maggiore impatto mediatico: “si daranno cinquecento euro ad ogni insegnante per formarsi…”  La seconda notizia meno gestibile attraverso il mezzo televisivo  si fornisce in modo generico, senza entrare nel dettagli  : i meritevoli saranno premiati con lo stanziamento di 200 milioni ( quale percentuale di insegnanti godrà di questo riconoscimento? Gli altri che avranno concorso alla “gara” avranno lavorato gratis?…)  Annuncia poi l’assunzione di centomila  precari, ma in realtà non sono nuovi occupati, ma stabilizzati. Conferma  l’ autonomia progettuale, ma con quali soldi? Il presidente Renzi lo sa che Il Mof è stato fortemente ridotto per finanziare gli scatti del 2011 e 2012? E’ a conoscenza che la L. 440/97 è stata praticamente sterilizzata nella parte del finanziamento per l’aggiornamento  degli insegnanti?  Infine ha chiesto conferma al Ministro dell’Economia sulla copertura finanziaria riguardante la nuova formazione? Secondo alcuni commentatori pare che non ci siano  i soldi per coprire questo piano di aggiornamento. L’apice del “nascondere quello che c’è scritto ” lo raggiunge, affermando che da nessuna parte è previsto che il Dirigente individuerà e sceglierà da un albo i docenti, dimostrando di non aver letto bene il nuovo comma 13 dell’art. 2 dal quale è stato eliminato solo il secondo verbo. Questa parziale correzione non ci rassicura sulle funzioni patronali del Dirigente. In conclusione, il  video discorso di Renzi  ha conseguito il suo obiettivo:  convincere  un’opinione pubblica scarsamente propensa alla lettura e analisi dei fatti. Renzi questo voleva e niente più.  E ciò mi preoccupa, anche in vista delle prossime elezioni regionali. La nostra contromossa: rimettere in circolo le idee con tutte le loro subordinate, operare con la tecnica del tam-tam e del “porta a porta”. E personalmente lo sto facendo non solo attraverso questo mio intervento.