Posted in: Legge 107/05, Opinioni, Tutti gli articoli

Indagine Demos: “La scuola di Renzi”

Immagine renzi
I. Diamanti, Presidente dell’Istituto di ricerca Demos, pubblica tutte le settimane sul quotidiano “La Repubblica”  i risultati di indagini di natura politica, sociale, chiamate “Le Mappe”.
Le ricerche sono liberamente consultabili su Demos.it .
Il 16 ottobre è stata pubblicata un’interessante “mappa” sulla “Buona Scuola“. Anche questa riforma risente del carattere divisivo del Premier, tanto che I. Diamanti l’ha definisce come ” La scuola di Renzi”. La “Buona scuola” non  e particolarmente amata dalla media degli italiani, tanto che ottiene un “misero 5″. Scrive, però, il Presidente Demos: ” Tuttavia, se risaliamo all’origine dei “voti” attribuiti alla riforma, emerge un’altra spiegazione. Significativa. I giudizi, infatti, si differenziano e si distanziano soprattutto in base all’appartenenza politica. Anzi: partitica. Perché solo gli elettori del Pd attribuiscono alla riforma sulla scuola un voto molto positivo. Più che sufficiente. Vicino al 7. Mentre gli elettori di tutti gli altri partiti di centro, destra e sinistra – e perfino gli alleati di governo – la bocciano. O, almeno, la rimandano agli esami di riparazione.”
Quindi è una riforma che non appartiene a tutta la scuola, alla società. Risente della natura della sua genesi. Pensata ed elaborata  dall’alto con scarso coinvolgimento di chi la scuola la vive ogni giorno, partendo dall’aula.
A questo si aggiunge il calo di fiducia degli italiani verso l’Istituzione scolastica. La flessione è del 4% rispetto al 2015. Quindi totalmente imputabile alla ” Scuola di Renzi” , come lo è la percezione  della riduzione degli investimenti.
Molto alto è presentato nella “Mappa” che lascio alla lettura personale. Di particolare interesse sono i grafici, consultabili e presentati  con il link  “Vedi indagine collegata”