Il nostro Web sta diventando più dark

Dark-Web-TOR-Deep-Web-616473

 

Interessante questo articolo sul disvelamento del Dark Web. In particolare si parla di siti pedopornografici sempre meno oscuri e quindi presenti nel Web che tutti noi frequentiamo.
Quindi il Web che noi frequentiamo sta lentamente cambiando la sua configurazione. Un Web considerato, dai più come sinonimo dell’intera Rete. I dati dicono il contrario. Il Web aperto a tutti, perché rintracciabile dai motori di ricerca ( Google, Yahoo, Safari…), costituisce solo il 6% dell’intera Rete. Il restante  è costituito dal Deep Web e  dal Dark Web. Il primo non è sinonimo di  materiale illegale, in quanto sono presenti anche rapporti scientifici, cartelle cliniche, estratti conto…
Il secondo invece completamente oscuro e inquietante nei contenuti.
Detto questo e non aggiungo altro, ribadisco la mia convinzione che l’estate costituisce la stagione più favorevole ad attivare percorsi  poco conosciuti , a trasgredire. E per i ragazzi questo potrebbe essere molto pericoloso ( leggi mio articolo sotto ).
Articolo “Stampa”
Il ricatto dei professionisti cyberbulli