Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Insegnare: non è più un sogno “giovane”

scuola

La percezione sociale sull’utilità dell’insegnamento è molto alta. Sfido a trovare qualcuno che abbia una diversa posizione. Anche nel nostro contesto liquido e postmoderno, l’istruzione è sinonimo di formazione al pensiero critico, al problem solving, è requisito necessario alla rimozione di tutti quegli ” ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”.(art. 3 comma 2 Costituzione ).
Il prestigio sociale degli insegnanti, invece precipita colorandosi di rosso, o se vogliamo è preceduto dal  segno meno. Questo molto dipende, a mio parere, dalla retribuzione economica. Si legge a commento del sistema scolastico finlandese, qualitativamente il migliore a mondo:
“Fare l’insegnante in Finlandia, quindi, è visto come una vera e propria missione, ben pagata però.
Lo stipendio medio dei docenti è infatti tra i più alti rispetto a quello degli altri Paesi europei e di conseguenza la stima sociale nei loro confronti è alta, tanto è, che il sogno di molti studenti è quello di diventare insegnanti.”
Tornando in Italia, lo scarso prestigio sociale condiziona fortemente l’attrazione dei ragazzi( 15 anni) verso la professione docente.
Stando ai dati Ocse (2014 ), solo l’1% dei intervistati è intenzionato ad insegnare.Il dato disaggregato per sesso ci consegna queste percentuali: 0,3 per i maschi, 1,9 per le ragazze.
I ragazzi intendono cercare opportunità di lavoro meglio remunerate e con migliore prestigio sociale. La ricerca  certifica  un’altro triste “quadretto” :  la percentuale verso l’insegnamento lievita  in presenza di studenti che registrano  basse valutazioni  in  italiano e matematica.
Una breve considerazione: fare l’insegnante non è più un sogno, una delle  aspirazioni per  ragazzi. Brutto segnale per il nostro Paese!
Dato però coerente con un Paese che ha estromesso dal proprio orizzonte il futuro, inteso come pro-getto ( Heidegger, Sartre…)  identificandosi sempre più con “l’onnipresente presente”che non necessita di pianificazione o di una strategia. Al riguardo, interessante la definizione che il Censis   dà del nostro Paese: ” Società a bassa autopropulsione” ( 2015), confermata anche da un articolo del suo Presidente onorario ” Senza progettualità la politica non riesce a pensare al futuro
In questo deserto di orizzonte prospettivo rimane solo la ” la pacca sulla spalla” all’insegnante,e le dichiarazioni: “gli insegnanti sono i veri eroi del nostro tempo” ( L. Boldrini ), ” Gli insegnanti sono eroi” ( P. Grasso), un pò furbesche, che non costano nulla, e quindi percepite da molti di noi come una presa in giro. Quando poi questo quadretto idilliaco si trasforma in insulti ( genitori o studenti ) o in situazioni dalla denuncia facile ( leggi articolo di ieri ), allora siamo alla frutta…