Instagram, la compravendita di foto di minori

Instagram, le foto osé dei argazzi

Instagram, i minori vendono le loro foto. E i genitori?

Instagram, la compravendita di foto osé di minori. E i genitori, dove sono?

Instagram, il mercato di foto di minori

Si leggeUna parola chiave, un profilo, un messaggio privato e un buono regalo o un codice di pochi euro. Tre minuti, al massimo cinque, per avere in cambio foto e video porno. Di maggiorenni e minorenni. Non nel profondo del web, ma su Instagram, il social network fotografico, la vetrina mondiale di vip e di uomini e donne — anche 13enni — che scambiano materiale proibito per 5, 10 o 20 euro… Profilo hot! Video, foto, videochiamate in chat! In scambio per buoni Amazon o altri pagamenti», spiega nella descrizione del suo profilo Francesca (i nomi sono stati cambiati per non renderli riconoscibili, ndr) con account privato, un solo post pubblicato e circa tremila persone che la seguono.”

Domanda, domandina molto semplice

Questa è la situazione su Instagram. Lascio immaginare cosa può avvenire nello spazio profondo del Dark Web.  Mi chiedo: dove sono i genitori? La risposta è relativamente semplice, ma inquietante.
Essi ritengono,  che la questione non potrà mai riguardarli, in quanto si fidano dei propri ragazzi o che sia troppo presto per interessarsi. Aggiungo anche che molti di essi, alle prese con la perdita di lavoro o con stipendi dimezzati o assenti, siano più concentrati sugli aspetti materiali ( assicurare il pranzo e/o la cena… ) e meno su quelli formativi. Tutte queste ragioni, possono in parte giustificare questo disinteresse. Ma resta il fatto che un figlio non è solo una bocca da sfamare, ma anche un’intelligenza da nutrire, una persona da formare, attraverso una selezione, una scelta di opportunità.

L’insegnamento di Gibran

Scriveva Gibran che  i figli non sono nostri, ma ci sono stati affidati per far emergere il “tesoro” di umanità che risiede in loro. Oggi l’educazione e la formazione si giocano sui silenzi dei nostri ragazzi, sugli steccati che stanno alzando con i possibili “ immigrati digitali”. Innanzi tutto con i genitori! L’impegno educativo è il far emergere queste situazioni, rivestendole di “discorsi e parole”, emozioni e paure. Obiettivo possibile se il rapporto intergenazionale è basato sulla reciproca fiducia e dialogo. E per questo ci vuole tempo, Tanto tempo. E spesso questo manca ai genitori, decretando in questo modo la loro assenza, a favore di altri soggetti, che hanno come volani l’ Eros e il Thanatos ( Freud ).

Questa voce è stata pubblicata in Cyberbullismo e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.