Posted in: Cyberbullismo

Instagram, cosa fanno i nostri ragazzi

Instagram
Instagram: una perfetta sintesi  del vissuto dei nostri ragazzi


Instagram, Facebook sono i social network più frequentati. Qui ritroviamo i nostri bambini e ragazzi, anche se recentemente ricercano ambienti più circoscritti e falsamente rassicuranti circa il loro anonimato. Comunque è importante conoscere i loro comportamenti su questi ambienti virtuali, che gradualmente stanno sostituendo quello reale. 

Instagram

La diffusione esponenziale degli smartphone ( diversi dal cellulare) tra i nostri bambini e ragazzi, ha consentito loro di ristrutturare il loro profilo. Sappiamo che questo è composto da aspetti cognitivi, relazionali, affettivi, emozionali…
Tutto questo passa attraverso l’attuazione di comportamenti, sempre più reiterati nel tempo.
Prendiamo Instagram un social network , molto utilizzato dai nostri ragazzi. La sua specificità, che si traduce in un valore aggiunto per loro,  è la sua “significativa scelta” verso tutto quello che è fotografia. Il materiale postato su questo ambiente può essere facilmente condiviso e così via.

Cosa fanno i nostri figli?

Secondo l’ultimo numero della rivista “Computer Idea” ( 2 novembre-15 novembre ) queste sono le azioni più ricorrenti:
“1)  Seguono i coetanei e postano le proprie foto a caccia di Mi piace e commenti.
2) Si informano sugli abiti e accessori che vanno di moda.
3) Seguono i profili dei propri eroi, tra cui ci sono soprattutto star del cinema, della                   musica e dello sport.
4) Scambiano messaggi privati, spesso sessualmente espliciti, oppure molto violenti
5) Insultano i coetanei più deboli e indifesi”

Considerazioni

In Instagram si realizza una perfetta sintesi di narcisismo, di “nascondimento” e di cyberbullismo a gradazione variabile. Il punto di sintesi è l’Io del ragazzo che tende all’ipertrofia. Tutto teso ad annullare l’alterità, il “noi”, rifugiandosi in una solitudine digitale imbarazzante e inquietante. In questo contesto, egli frequenta “un’altra scuola”, dove non ci sono adulti propositivi. La formazione si realizza, soprattutto,  attraverso il “tam-tam” orizzontale dei pari.
E’ urgente che i genitori riprendano “per i capelli” i propri figli, dando loro una direzione pedagogicamente valida, sottraendoli alle logiche del mercato, caratterizzato dall’espansione senza limiti del Thanatos e dell’Eros ( S. Freud).
Per riprendere “la loro vita” è indispensabile conoscere gli ambienti virtuali che frequentano. E per questo occorre tempo!