Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

L.107/15 e decreti attuativi. Le false aspettative!


Noi docenti siamo fortemente condizionati dal detto: ” la speranza è ultima a morire!”. Personalmente sono convinto della sua validità, quando questa però è sostenuta da elementi oggettivi, che nel caso specifico riguardante la legge 107/15 significa presentazione in Parlamento di un disegno di legge finalizzato all’abrogazione della “Buona Scuola”. Solo questo atto ci può dare la certezza che nel Pd il vento è cambiato. E invece, continuiamo a dare peso alle dichiarazioni di esponenti di questo partito ( v. Emiliano, Speranza, Cuperlo…) che esprimono solo “desiderata” con nessuna conseguenza pratica.
Il film presenta una sceneggiatura già conosciuta! Senza andare troppo indietro nel tempo, il canovaccio è stato proposto dopo le elezioni amministrative del giugno scorso o il referendum costituzionale del 4 dicembre. In quei contesti gli sconfitti  hanno auspicato la riapertura del dialogo con il mondo della scuola, riconoscendo nella frattura prodotta con l’approvazione della legge 107/15 una delle cause del mancato successo .
Al momento della caduta del governo Renzi, molti miei colleghi hanno salutato  l’arrivo della Fedeli come un segno di discontinuità, di  “cambioverso” della politica scolastica. Forse fui tra i pochi a individuare “la trappola mediatica” nella quale erano finiti molti miei colleghi ( v. articolo), credendo che l’on. Fedeli che aveva votato, dichiarato il suo “si” alla legge 107/15  e anche scritto di voler concludere il suo processo di implementazione Intenti programmatici 2017, potesse magicamente adottare comportamenti di segno opposto.
Ed ora si spera che il Presidente Mattarella non firmi i decreti attuativi , dimenticando che i suoi poteri costituzionali sono limitati al solo rinvio alle Camere dei provvedimenti in caso di sospetto di elementi con vizi di legittimità costituzionale. Pertanto la firma verrà comunque apposta su questi decreti attuativi di una legge già firmata da Mattarella.
Cosa fare? Questo è il problema! Qualunque decisione però deve essere presa come categoria. Solo un’azione collettiva e continua nel tempo  può dare qualche speranza di riuscita. E la controparte sa benissimo, quali sono gli effetti di un’azione corale. Questa consapevolezza spiega perché ha perseguito e realizzato il detto “Divide et impera”.