Posted in: Legge 107/05, Opinioni, Tutti gli articoli

L.107/15. Un elenco contro “la dimentichite”


Grazie a S. Zingaretti, una collega, propongo questa lunga serie di parole in libertà, espresse da diversi esponenti politici. E’ un ottimo vaccino contro la “dimentichite”, obiettivo della comunicazione politica odierna. L’uomo contemporaneo è caratterizzato dalla memoria breve che si basa sulla notizia, presto sostituita da quella seguente.  In questo contesto è assente la memoria “profonda” quella a lungo termine, la sola che può liberarlo dal presente e fargli cogliere in molti casi la prospettiva.
Comunque, tornando all’elenco,  le parti in neretto sono a mio parere le più importanti. Si parla di dialogo, di confronto con gli insegnanti, che evidentemente sono stati molto carenti, quando nel settembre del 2014 fu lanciata la consultazione. I risultati di questa consultazione furono presentati con un documento ( la Buona Scuola. La consultazione ), che rimandava alla “più grande consultazione d’Europa”. Allora espressi un mio parere contrario con un articolo ( “Non parteciperò alla consultazione” ). Scrissi” La consultazione mi sembra, infine, una pseudo-consultazione, dove i giochi sono stati già decisi. Infatti non c’è modo di interagire con gli altri partecipanti alla consultazione o di conoscere le loro posizioni, le loro idee. Questa mancanza di trasparenza, favorirà sicuramente la decisione già presa e presente nei tanti contenuti del documento.”
Quindi se ora, quasi tutti dichiarano di voler riaprire il dialogo con gli insegnanti,  cala un velo di sospetto su quei dati mirabolanti contenuti nel documento.

Dichiara Renzi: Il mio errore più grosso è stata la riforma della Scuola.
Bene, anzi male! Dalle mie parti, probabilmente perché formato al pensiero scientifico, se qualcosa non funziona in parte o in tutto, lo passo al vaglio della critica severa: rifletto,  ascolto altre persone esperte, faccio comparazioni e poi introduco le modifiche.
Tutto questo non è avvenuto con la “Buona Scuola”. Non ricordo riforme scolastiche – e non solo queste – abolite perché sbagliate. In questo Renzi, invece di attuare il suo  hastag del #cambiaverso ha concretizzato quello opposto  dell’ #avantitutta.
Se osserviamo la “Buona Scuola” da una prospettiva alta, possiamo affermare tranquillamente che questa è ormai considerata immodificabile. La L. 107/15, quindi ha subìto il processo di naturalizzazione, epurandola di fatto di ogni elemento di storicizzazione. Il risultato è la dichiarazione di impotenza della politica!  Questa resa effettuata da un partito che è nato  sulla relazione marxiana teoria/prassi,  è molto grave. Scriveva A. Gramsci, il filosofo della praxis  e   fondatore dell’ “Unità” , ancora l’organo ufficiale del PD ” La filosofia deve risolvere i problemi che il processo storico che nel suo svolgimento presenta volta a volta” ( Quaderni dal carcere )
Concludo, dando un consiglio: prima riformate la 107/15 e poi rilasciate la dichiarazione.

MATTEO RENZI:
– “Sulla scuola qualcosa non ha funzionato. Il colpevole sono io. Riaprirò la discussione” (06.06.15);
– “Rimedierò agli errori sulla scuola” (11.06.15);
– “Ho fatto un capolavoro a farli arrabbiare tutti”;
– “Sulla scuola “siamo pronti a ragionare” (15.06.16);
– “Sulla scuola abbiamo preferito trovare le soluzioni per i professori che avrebbero dovuto muoversi … non tutte le ciambelle riescono con il buco. Se fossimo stati più bravi a gestire questa vicenda sarei stato più contento” (28.09.16);
– “Il mio errore più grosso è stata la riforma della Scuola“, a Gramellini (10.12.16);
– “Sulla scuola non ha funzionato molto” (25.10.16);
– “La scuola, un mio grande errore”, da Minoli (7.11.16);
– “Nessuno aveva mai investito tanti soldi nella scuola come noi” (Assemblea pariolina PD del 19.02.17);
– “Alcune delle riforme che abbiamo fatto non hanno funzionato. A cominciare dalla riforma della scuola” (Lingotto di Torino, 09.03.17).

DAVIDE FARAONE:
– “Errori fisiologici su assunzioni. Presto novità per il Concorso DS” (12.09.16);
– “Orgoglioso [leggi “orgoglione”] tra limiti ed errori… La legge sulla buona scuola, la più travagliata” (7.12.16);
– “Sapevamo che molti precari non avrebbero più lavorato” (15.12.16) [pezzodimmerda].

GIANNI CUPERLO:
– “La legge sulla scuola è una innovazione a metà, non puoi farla contro docenti e studenti” (16.05.15);
– “Mi sento in dovere di chiedere scusa come membro del PD: lo stato delle scuole è indegno di un paese civile, intervenire subito senza affidarsi ad un algoritmo” (29.09.16).

ROBERTO SPERANZA:
– “Ascoltare insegnanti e studenti è l’unica strada per ricucire lo strappo che c’è stato con il mondo della scuola. Serve umiltà. Non arroganza.”. (11.02.17)

VINCENZO DE LUCA:
– “Nel voto il 90% dei NO hanno pesato alcune criticità di questo ultimo anno e mezzo … La prima è quella della ‘Buona scuola’. Il mondo della scuola, ha fatto un’opposizione durissima anche con posizioni di odio verso il Governo, autore di una riforma che ha scontentato tutti. La decisione degli algoritmi e dei trasferimenti è demenziale e su questo bisogna fare autocritica” (9.12.16);
– “Bisogna fare pace col mondo della scuola” (13.02.17).

– GUGLIELMO EPIFANI: “Bisogna correggere il percorso con le aree della Scuola” (Congresso PD del 19.02.17).

– MASSIMO D’ALEMA: “Occorre riaprire un dialogo coi sindacati dei lavoratori ed anche col mondo della scuola. Le riforme renziane hanno privato il Pd di un apporto fondamentale e tradizionale come quello degli insegnanti: un mondo che va recuperato” (20.02.17).

MICHELE EMILIANO: “Vorrei azzerare la Buona Scuola e riscrivere la riforma con i docenti e i sindacati…” (23.03.17)