Posted in: Classi pollaio, Legge 107/05, Tutti gli articoli

La “Buona scuola” è fuffa!

3q0664
Mi spiace dirlo: la “Buona scuola” è fuffa!!! Un Disegno di legge inutile, completamente disallineato rispetto alla scuola reale. Sordo e cieco in rapporto alle vere esigenze della scuola. Nonostante i tanti annunci la “Buona Scuola” dimentica gli studenti, li nasconde, dietro tanti luoghi comuni, presi in prestito dal mondo dell’industri. Mi lascia interdetto che Renzi, marito di un insegnante precaria,  si  intestardisca su una falsa riforma, destinata a morire prima di nascere. E’ il prodotto di esperti che, nella migliore delle ipotesi,  in aula non entrano da anni.  Le prove Invalsi, ne sono l’ultima prova: gli “illuminati” dell’Invalsi si guardano bene dal solcare la soglia delle aule. Il compito è demandato ai soliti noti: gli insegnanti!!!  L’aula non è un ambiente  asettico. Qui si sviluppano quelle relazioni, quelle empatie necessarie per ogni apprendimento. Bene, tutto questo è in parte compromesso da quel mostro aberrante chiamato classe-pollaio!!!
Ho più volte dichiarato il pericolo di accostare il nostro dissenso all’ipotesi del Preside-sceriffo. Rischiamo di far passare la nostra protesta come la difesa di interessi corporativi.
Dobbiamo esaltare invece quello che può favorire l’affermazione di una “Buona scuola”: l’abolizione delle classi-pollaio!!! Solo riportando il numero di alunni per classi sulle 20 unità, possiamo riprendere a parlare di didattica di qualità, di progetti innovativi, di impegno per una formazione adeguata alla persona oggi, e al lavoratore domani. Solo dopo sarà possibile riprendere ogni discorso sulla chiamata diretta, ma condivisa con altri attori dell’istituzione dei docenti, si potrà parlare di merito adeguatamente riconosciuto. E altro ancora.