Posted in: Legge 107/05, Opinioni, Tutti gli articoli

La buona scuola: rischiamo l’isolamento

L’intervista del Preside M. Rusconi, gli interventi di Renzi, Giannini, Faraone e anche quelli di molti miei colleghi stanno creando le condizioni di isolamento della scuola dalla società. A mio parere, esprimere molte critiche sulla chiamata diretta del Preside, significa confermare che lo sciopero del 5 maggio e le manifestazioni di questi giorni hanno una natura corporativa. In altre parole, quello che sta passando è l’idea che agli operatori scolastici non interessano “le famiglie e gli studenti” ( Renzi ), ma la difesa della propria tranquillità professionale. Storicamente il nostro profilo si è sempre caratterizzato per la mancanza di una valutazione di sistema sul nostro lavoro e per l’assenza quasi totale della prospettiva del licenziamento.
E questo ci ha permesso di lavorare senza particolari stress. Se poi ci aggiungiamo anche la convinzione da parte di molti che la nostra professione si caratterizza per “ quindici giorni di vacanza a Natale, una settimana a Pasqua, tre mesi durante l’estate e un impegno settimanale fatto   solo di 18-22-25 ore” allora il quadro è completo.
Come uscirne? Spostando, innanzitutto, l’attenzione dei massmedia e della società sulla necessità dell’abolizione o quanto meno della riduzione delle classi-pollaio. Soluzione organizzativa, voluta dal duo Gelmini-Tremonti, che rappresenta “la cattiva educazione” o la “pessima formazione”. Contesto che impedisce la cura degli alunni, il loro ascolto, ogni tipo di intervento di integrazione delle diversità ( DSA-BES…). In altre parole, le classi pollaio rappresentano il contrario di quello che Renzi dichiara in molte interviste ( “la riforma sta a fianco dei genitori e degli studenti” ). Questa riforma se non parte dalla qualità formativa che deve caratterizzare l’interazione tra docenti e studenti, lo dobbiamo gridare: sarà una pessima Riforma!
So bene che i possibili 100.700 (?) docenti non saranno nuove assunzioni, ma solo conferme stabili di persone che già lavorano. Bene, come uscirne? Destinando prioritariamente questi lavoratori alla riduzione delle classi-pollaio. Pia illusione? No solo la richiesta di un docente che ancora crede che una buona formazione è il servizio migliore che uno Stato può offrire oggi alla persona   e domani al lavoratore.
La seconda rivendicazione da fare è la richiesta di un investimento di 12 miliardi ( dato Protezione Civile, 2008)per mettere in sicurezza nei prossimi anni tutte le scuole. Contemporaneamente informare l’opinione pubblica che il governo nel Def ha tagliato di quasi seicento milioni i fondi per la sicurezza nelle scuole.
Solo puntando su queste due richieste ( abolizione o riduzione delle classi pollaio, finanziamento totale per la sicurezza delle scuole ) avremo la possibilità di avere accanto “in primis” i genitori e molto probabilmente anche ampi settori della società. Diversamente avremo sprecato forse l’ultima occasione per rimettere al centro la scuola. Sicuramente avremo sfruttato male il nostro sacrificio: la trattenuta dello sciopero.