La cultura è poco interessante per le persone del nostro Paese

La cultura è  poco interessante

La cultura è poco interessante ( R. Vacca). Nulla di nuovo! Tutto confermato!

La cultura è insignificante, poco interessante. Ecco i motivi dell’imperante disinformazione che porta a preferire quella leggera, ma densa di emozioni. Povera Italia!

La cultura è  poco interessante e insignificante (R. Vacca)

Roberto Vacca, matematico e ingegnere, in un ‘intervista di due anni fa dichiarava: “Alla gente non importa nulla del sapere. Ed è la causa prima per cui il nostro Pil arranca…Certo il Pil cresce se le aziende investono di più in ricerca e sviluppo.”
Nulla di nuovo! Il dato purtroppo è confermato dal crescente analfabetismo di ritorno.  Il 70% degli adulti non comprende un testo orale o scritto elaborato  dalla dispersione implicita. La condizione non suscita particolari problemi nei soggetti coinvolti. Si accontentano dell’informazione che piace e colpisce ( G. Lipovetsky).
Allarmante poi il dato sulla dispersione scolastica tradizionale (14.5% e quella implicita(7,1%) che riguarda gli studenti italiani. A molte di queste famiglie coinvolte nel secondo fenomeno interessa la promozione senza formazione (rilascio del diploma).
Questo deserto culturale che diventa emergenza educativa che “buca” lo schermo mediatico  solo per 24h, è la migliore condizione per il proliferare di leader che fanno la fortuna, basando i loro annunci sulla paura. In questo format spesso si annidano le fake news finalizzate alla manipolazione.