La denuncia dell’Istituto (e non solo) la risposta efficace al peluche cacca

denuncia dell'Istituto la risposta giustagiusta

La denuncia da parte del docente e dell’Istituto con richiesta di risarcimento è l’unica risposta che possono comprendere certe persone!

La denuncia dell’Istituto e non solo  è l’unica risposta davvero efficace, soprattutto se questa è accompagnata dalla richiesta di un doppio risarcimento. Le parole, le chiacchiere sul nostro ruolo professionale scivolano e non lasciano traccia. La richiesta di risarcimento invece, tocca le tasche. E di questi tempi non è poco!

La vicenda sconcertante del nuovo limite

In questi giorni tiene banco una vicenda che ha definito il nuovo limite dell’imbarbarimento dei rapporti tra scuola e famiglia. Volando alto, si può affermare che la nuova versione del Nulla, che a differenza del sentire comune rimanda a una realtà definita, è rappresentata dall’escremento.
Si legge nel post firmato dal Dirigente Scolastico e dai docenti: “tre genitori hanno ritenuto di manifestare il loro scontento nei confronti di un docente regalando un peluche a forma di escremento, dichiarando che tale era il valore personale e professionale di quell’individuo, ingiuriandolo ed offendendolo, peraltro di fronte ai loro figli e ad altri ragazzi”

 

La denuncia individuale e collettiva  è l’unica risposta che i genitori sentono

Di fronte a questo  caso di offesa verso i docenti non serve volare alto. Non sono convinto che i protagonisti del gesto possano comprendere il significato di  comunità educante e il valore del rispetto delle persone.
A mio parere occorre innanzitutto denunciare. Lo deve fare  il docente coinvolto nella vicenda, in quanto  pubblico ufficiale con richiesta di risarcimento economico. Le parole volano, le tasche invece si svuotano!
Deve però seguire anche la denuncia dell’Istituto con risarcimento per danno d’immagine, perché il docente è portavoce di una progettualità declinata nel Ptof. L’insegnante offeso e denigrato è l’interfaccia dell’Istituto. Da qui offendere lui significa screditare tutta la comunità educante.
Mi auguro che questo mio suggerimento venga seguito. Le prese di posizione senza un seguito di atti concreti potrebbero favorire altre azioni simili. Del resto la diffusione di fatti di aggressione e di violenza verbale contro i docenti non sono il risultato della sensazione che l’azione rimarrà impunita?

Questa voce è stata pubblicata in Opinioni, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.