Posted in: Opinioni

La dichiarazione di M. Costanzo dice molto, anche il silenzio…

La dichiarazione di M. Costanzo
M. Costanzo ha dichiarato quello che molti pensano. Perplessità sul silenzio di chi deve difendere gli insegnanti.

La dichiarazione di M. Costanzo è illuminante e conferma il pensiero di molti. Un’ulteriore conferma proviene anche dal silenzio del Ministro, dei sindacati… Nulla di nuovo! Siamo irrilevanti!

La dichiarazione di M. Costanzo

L’altra sera M. Costanzo ha confermato quello che molti pensano del lavoro degli insegnanti. A volte si ha il coraggio di dirlo. In molti casi, invece rimane dentro, ma  a fatica!
Cosa ha detto? Praticamente ha liquidato il nostro lavoro come poco usurante, invitando le maestre a dimettersi e stare a casa a fare la calza.
Occorre contestualizzare la dichiarazione. Si riferiva alle maestre accusate di maltrattamenti. Rimane, però la convinzione che il nostro lavoro sia a bassa complessità.

Il silenzio del Ministro e… conferma tutto

Sono passati alcuni giorni. Mi sarei aspettato, qualche dura dichiarazione  (in primis) della Ministra L. Azzolina,  dei maggiori esponenti politici e dei sindacati-scuola (lo sta chiedendo L. Tassella /S.B.C. Scuola Bene Comune )… Il messaggio è inquietante: contiamo meno di zero! Questi silenzi valgono molto delle tante parole dette nei convegni, nei corsi di aggiornamento dove si parla e  straparla della centralità della figura docente.
L’unico a prendere le difese delle maestre, che prima di tutto sono donne, è stato Vittorio Lodolo D’Oria , noto medico ed esperto di burnout che colpisce i docenti.
La sua lettera indirizzata al Ministro si conclude con un  ” Grazie a tutte le maestre italiane per l’impagabile lavoro che svolgono.” E dentro metto anche i pochi uomini che ancora resistono nella scuola primaria e che hanno fatto dell’educazione dei ragazzi  il loro punto di riferimento.