La didattica a distanza inizierà e concluderà il prossimo anno scolastico

La didattica a distanza

La didattica a distanza non rappresenta solo una possibilità per il prossimo anno scolastico.

La didattica a distanza è un possibile scenario per il prossimo anno scolastico.  Così ha dichiarato implicitamente la Ministra. Nella bozza del Decreto scuola il riferimento è più esplicito, ma sempre subordinato. Non sarà così! Dovremo “convivere” con il virus, finché non avremo un vaccino, difendendoci con il distanziamento sociale.

Didattica a distanza, opzione subordinata per il nuovo anno scolastico?

Didattica a distanza, l’altro giorno ho pubblicato un articolo, attraverso il quale riflettevo sull’inadeguatezza del nostro sistema scolastico a rispettare il distanziamento sociale. Ponevo l’attenzione sulla presenza delle classi-pollaio. Presentavo diverse ipotesi su un modello di scuola adeguato a farci  “convivere” (G. Conte e R.Speranza) con il Coronavirus. Una di queste era la riconferma della didattica  distanza.
La Ministra L. Azzolina non lo dice, ma fa rientrare la didattica a distanza come un possibile scenario, ma subordinato a una nuova emergenza sanitaria. Ieri sera i “Che tempo che fa” Ha dichiaratoPer l’autunno stiamo pensando a uno scenario. Nelle classi pollaio è difficile mantenere la distanza, io insieme a tutto lo staff lavoreremo a pensare a tutti gli scenari possibili. Domani in Consiglio dei ministri discuteremo insieme per un decreto che faccia riferimento a questo aspetto. Gli studenti non perderanno questo anno scolastico e stiamo pensando al prossimo“.
La Ministra non dichiara nulla di nuovo rispetto alla bozza (definitiva?) del Decreto scuola. L’art. 2 (Misure urgenti per l’ordinato avvio dell’a.s. 2020-21) prevede il seguente scenario: ” In corrispondenza della sospensione delle attività didattiche in presenza a seguito dell’emergenza epidemiologica, il personale docente assicura comunque le prestazioni didattiche nelle modalità a distanza, utilizzando strumenti informatici o tecnologici a
disposizione

La didattica a distanza caratterizzerà l’anno scolastico 2020-21

Comprensibile la scelta di non sbilanciarsi.
I prossimi mesi saranno governati dal verbo convivere. Tradotto nella nostra situazione specifica significa che il virus girerà pericolosamente tra noi. La nostra unica difesa rimarrà il distanziamento sociale. La situazione sarà risolta e quindi potremo tornare ad abbracciarci, prenderci per mano e baciarci solo con il vaccino. A parere degli esperti non sarà disponibile prima di 12-18 mesi.
Ora le due ipotesi che avanzavo l’altro giorno di una presenza fisica in aula, suddividendo la classe in piccoli gruppi, necessitano dell’assunzione di personale ( scuola secondaria di primo e secondo grado) e cervellotiche configurazioni organizzative, che tengano conto delle diverse tipologie di scuole.
Quindi la soluzione maggiormente efficiente ed efficace risulta la didattica a distanza che avrà il grande vantaggio di attingere a un database di riflessioni, soluzioni e materiale didattico, prodotto in questi mesi.
Certo non rappresenta la soluzione ottimale per la scuola dell’infanzia. La sfida però sarà quella di trovare delle soluzioni per adeguare la didattica a distanza anche a questo ordine di scuola.