Posted in: Recensioni, Tutti gli articoli

“La fabbrica del falso”

511i4lvD1kL

Oggi è prioritario puntare alla verita. Non mi riferisco alla verità religiosa o etica che i “maestri del sospetto” ( ad esempio F. Nietzsche ) hanno messo in crisi, ma a quella relativa ai fatti che ogni giorno ci sono proposti attraverso i media. Impresa difficile se non si hanno gli strumenti culturali che ci permettono di individuare i meccanismi di alterazione, attraverso i quali ” alla verità vengono tolti i veli” ( F. Nietzsche ).
In questo ci viene in soccorso l’interessante lavoro di V. Giacché ( filosofo ). Nel contesto postmoderno la guerra alla verità non è perseguita attraverso le armi, la censura e altre forme di palese nascondimento. Tutto si gioca con la parola e l’immagine. Le tecniche sono quella della verità mutilata o decontestualizzata, dove si esaspera il particolare, tagliando o nascondendo il contesto. Altre tecniche come quella della sineddoche indebita dove l’esaltazione del particolare è finalizzata alla determinazione di tutta la notizia. E cosi via.
Il linguaggio mai accademico, favorisce la “lettura veloce e rapida” conseguendo il suo obiettivo. Assolutamente da leggere..