Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

La Giannini ha passato il testimone…


Un minuto dopo le dimissioni di Matteo Renzi da Premier, ho provato a mettere in guardia tanti miei colleghi  dall’idealizzare eccessivamente il dopo-Giannini. Il motivo: qualunque governo deve rispettare il copione imposto dal finanz-capitalismo che dietro l’Euro persegue la svalutazione interna ( abbassamento e perdita d’acquisto dei salari, licenziamenti, riduzione delle pensioni…), riducendo e polverizzando i diritti sociali ( istruzione, sanità, lavoro ). Declinando questo quadro nel contesto dell’istruzione, significa concludere “lo sviluppo” della legge 107/15 attraverso l’approvazione di otto deleghe su nove. Non comprendo la reazione e lo stupore di molti miei colleghi dopo l’ok sulle deleghe.   Il ministro aveva scritto nell’atto d’indirizzo del 2017 che intendeva “proseguire nel processo di implementazione e di completa attuazione della legge 107 del 2015″ ( pensiero ribadito dopo l’approvazione delle deleghe: ” Come ha detto Gentiloni le riforme non si fermano”). Del resto Valeria Fedeli  aveva già espresso il suo appoggio alla “Buona Scuola” votandola come parlamentare.
La 107/15 è stata pensata da soggetti extrascolastici con il fine  di dividere i docenti, indebolendoli, di depotenziare la formazione e l’istruzione con la conferma delle classi-pollaio, di aumentare i carichi di lavoro a fronte di un compenso inadeguato….
Tutto questo ha il fine di sottrarre entusiasmo ai docenti,  demotivandoli.  Ottima condizione per lavorare senza passione, producendo risultati sempre più inaccettabili  per una scuola da chiudere in temi rapidi.
La continuità tra la Giannini e l’attuale Ministro, inoltre,  si riscontra nelle dichiarazioni. In un intervista, una delle tante, la responsabile del Miur del governo Renzi, a proposito degli stipendi degli insegnanti, diceva: “Raddoppiare mi sembra eccessivo. Ma arrivare almeno alla soglia dignitosa dei 2000 euro mensili credo sia il minimo” Qualche giorno fa il Ministro Fedeli, riprendeva la strategia del “lisciare” gli insegnanti dichiarando:”Da marzo cominceremo a scrivere l’atto di indirizzo per il contratto. E’ un tema molto importante. Vorrei inserire nel contratto il tema della continuità didattica che penso sia molto importante…Vorrei dal prossimo settembre che gli studenti trovassero i loro insegnanti in cattedra e possibilmente per tre anni. La continuità va incentivata».
Difficile non individuare la stessa strategia comunicativa in queste dichiarazioni: annunciare futuri radiosi per gli insegnanti , lasciandoli poi nella pratica con un pugno di mosche in mano.