Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

La lettura: un disastro!!!

lettura
Leggiamo poco, anzi di meno.Rispetto al 2013 il numero dei lettori occasionali o deboli,( tre libri letti negli ultimi dodici mesi )   diminuisc . Si passa da 11,7 milioni a 10,5 milioni. In termini di percentuale significa un calo del 6,8%. Fortunatamente rimangono stabili i lettori “accaniti” o “appassionati” che leggono almeno un libro al mese rimangono stabili.
Questi e altri dati ci presenta la ricerca Istat La produzione e la lettura dei libri in Italia ( 2013-14 )
Alcune riflessioni. Mi auguro non banali. La scarsa propensione degli italiani alla lettura, impoverisce il lessico e soprattutto non li rapporta con le strutture complesse del periodo, costituite da diverse subordinate. E questo limita il ragionamento, la capacità di approfondire i contenuti, accontentandosi della superficie, dell’increspature che spesso si sostanziano in opinioni, scontri urlati, dove ognuno ascolta se stesso e non l’altro Si è  portati ad osservare,, parafrasando Hegel, l’albero e non la foresta. Da qui la significativa ascesa del linguaggio pop, caratterizzato da una principale e una subordinata. In questo contesto linguistico viene utilizzata la forma della paronomasia ( accostamento di due parole simili ma di significato opposto ), con il chiaro intento di mandare in corto la riflessione la capacità critica dell’interlocutore, parlando direttamente alla sua componente emotiva.
Questa breve sintesi spiega tutta la nostra condizione postmoderna.